Il ventiquattrenne bulgaro Evgeni Bozhanov, qui ritratto con gli altri due finalisti in ordine da sinistra Ching e Baldocci si è aggiudicato la XXVIII edizione del concorso pianistico internazionale Alessandro Casagrande di Terni.
Alle sue spalle si sono classificati la sedicenne cinese Rachel Cheung Wai Ching e terzo il ventottenne italiano di Livorno Gabriele Baldocci.

Di seguito riportiamo i comunicati stampa relativi ai risultati del concorso della Fondazione "Alessandro e Adriana Casagrande".

XXVIII edizione del concorso pianistico internazionale Alessandro Casagrande di Terni
Membro della “Fédération Mondiale des Concours Internationaux de Musique”

Premio della Critica
(offerto dal Rotary Club di Terni)
a
Evgeni Bozhanov

Motivazione
Solido e versatile, capace di sentire e restituire l’intera architettura dell’opera mettendosi al suo servizio, senza rinunciare ad uno sguardo personale e mai gratuito, sensibile al dialogo richiesto dalla musica da camera Evgeni Bozhanov si dimostra interprete maturo, pianista fantasioso e capace di forte comunicativa, pronto per l’attività concertistica.

Fra i tanti ascoltati la giuria della critica segnala inoltre la personalità di
Tatiana Chernichka
Emersa in particolare nell’esecuzione della Ciaccona di Sofia Gubaidulina e della Sonata n.2 op.16 di Sergej Rachmaninov.

La giuria della critica era composta da Sandro Cappelletto, Michele Dall’Ongaro, Carla Moreni

Vincitori della XXVIII Edizione

Evgeni Bozhanov bulgaro, 24 anni, è il vincitore della 28^ edizione del Concorso Pianistico Internazionale “Alessandro Casagrande di Terni”.
Il secondo premio è stato assegnato a Rachel Cheung Wai Ching, cinese di 16 anni, il terzo a Gabriele Baldocci, 28 anni, di Livorno.
Serate particolarmente avvincenti quella della prova finale con orchestra svoltasi il 7 giugno e del concerto dei premiati l’8 giugno al Teatro Verdi di Terni, gremite di pubblico, e trasmesse entrambe in diretta radiofonica RAI- Radiotre. E’ stato sottolineato dalla giuria il livello altissimo di un’edizione che ha confermato la tradizione di un concorso prestigioso, attento ad identificare una figura completa di musicista.

Evgeni Bozhanov si è rivelato un pianista sfolgorante e molto maturo musicalmente, capace di intraprendere soluzioni originali e raffinate, particolarmente attento al dialogo nella musica da camera.
Nato a Russe in Bulgaria 24 anni fa ha studiato fin da bambino nella Scuola speciale di Musica riservata ai bambini di particolare talento. A 12 anni ha debuttato con l’orchestra suonando il Concerto K. 415 di Mozart, e negli anni seguenti ha vinto numerose competizioni nelle categorie giovanili. Si è poi trasferito in Germania dove ha studiato con Boris Bloch presso la Musikhochschule di Essen, ha conseguito premi in competizioni (Chopin di Colonia, Carl Bechstein di Essen), e ha ottenuto diverse borse di studio da fondazioni. Studia ora presso la Musikhochschule di Düsseldorf con Georg Friedrich Schenck (pianoforte) e Rüdiger Bohm (direzione d’orchestra). Da anni segue i corsi di Dmitri Bashkirov. Ha debuttato un anno fa in sale da concerto come il Gasteig di Monaco e l’Alten Oper di Francoforte.

Rachel Cheung Wai Ching, alla straordinaria precocità unisce una natura musicale prorompente e molto comunicativa, con una capacità di emozionare il pubblico che ha colpito coloro che numerosi hanno seguito le diverse prove di questa edizione.
Appena sedicenne, cinese di Hong Kong, ha studiato presso The Academy for Performing Arts della sua città sotto la guida di Eleanor Wong. Ha vinto numerosi premi, tra cui citiamo nel 2004 Gina Bachauer Competion e nel 2003 il Concorso per giovani pianisti intitolato a Vladimir Horowitz a Kiev. Ha ottenuto borse di studio da enti e fondazioni, ha partecipato a festival in Russia, Stati Uniti, Polonia, oltre che nella sua città. Ha suonato con importanti orchestre a Hong Kong, in Russia, in Israele e in Germania.

Gabriele Baldocci, oltre alla solida formazione e alla grande tenuta, ha rivelato un temperamento e una presenza pianistica di tutto rilievo. Nelle diverse prove si è dimostrato musicista versatile e interessante.
Nato a Livorno 28 anni fa, si è diplomato con il massimo dei voti e si è perfezionato presso l’Accademia Pianistica “Incontri con il Maestro” di Imola e The International Piano Academy di Como sotto la guida di insegnanti come Franco Scala, Dmitri Bashkirov, Fou Ts’Ong, Andreas Staier, Charles Rosen, Alicia de Larrocha, Leon Fleisher, William Grant Naborè. Attualmente è alunno di Sergio Perticaroli presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. E’ risultato vincitori di numerosi premi nazionali e internazionali, collabora con artisti di fama mondiale tra cui Martha Argerich, con la quale spesso si esibisce in duo pianistico.

Sono stati assegnati i premi speciali:
  • BOZHANOV EVGENI – Premio della critica
    (offerto dal Rotary Club di Terni)
  • YOSHIDA TOMOAKI - Premio per la migliore esecuzione dell’opera di A.Casagrande
    (offerto da Lions Club di Terni)
  • HONG JI WWAN - Premio al miglior classificato dei semifinalisti
    (offerto da Annarosa Taddei)
  • CHERNICHKA TATIANA - Premio per la migliore esecuzione di un’opera composta dopo il 1950 (offerto da Matteo Bressan)
  • BOZHANOV EVGENI e CHEUNG WAI CHING RACHEL ex-aequo: premio speciale per la migliore esecuzione di una delle tre sonate di F. Schubert previste nella prova semifinale
    (offerto dalla famiglia Trevisan)
  • CHEUNG WAI CHING RACHEL - Premio speciale al più giovane dei semifinalisti
    (offerto da Elena, Giovanni e Michele Benucci )
I concorrenti presenti alla prima prova erano 26, alla seconda prova ne sono stati ammessi 18, alla terza 11. Sono dunque state tre le prove eliminatorie di notevole impegno musicale e virtuosistico, seguite da due prove finali a cui sono stati ammessi solo tre pianisti: la prova di musica da camera che ha visto i finalisti impegnati in una sonata per pianoforte e violoncello di Brahms (con la collaborazione del violinista Stefano Cerrato), e la prova finale con orchestra in collaborazione con l'Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Marco Zuccarini. Sono stati eseguiti tre diversi concerti: Il Concerto n.4 op.58 di Beethoven (Baldocci), il Concerto n.1 op.11 di Chopin (Bozhanov), il Concerto n.3 op.37 di Beethoven (Cheung).

Il primo classificato al concorso ha ottenuto un premio di 16.000 euro e ventisei concerti nell'ambito di prestigiose stagioni concertistiche tra cui il Festival di Spoleto, il Festival Benedetti Michelangeli di Brescia e Bergamo, la Società dei Concerti di Milano, Ravenna Festival, l’Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma, l'Associazione Amici della Musica di Perugia.

La giuria internazionale è composta da Dario De Rosa (Presidente), Marcello Abbado, Dimitri Bashkirov (Russia), Roberto Cominati, Noel Flores (Austria), Karl-Heinz Kämmerling (Germania), Jϋrgen Meyer - Josten (Germania), Sergio Perticaroli, John S. Roos (Sud Africa).
Ad essa si affianca la giuria per il premio della critica costituita da Sandro Cappelletto, Michele Dall’Ongaro, Carla Moreni.

Noi di Terni Mania vogliamo ringraziare la Fondazione "Alessandro e Adriana Casagrande" perchè ogni anno da luogo a Terni ad una manifestazione tanto prestigiosa e di così alto livello culturale e musicale.

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia