Diecimila adolescenti che si spellavano le mani e urlavano sotto il palco centrale per i ragazzi di "Amici": Pasqualino Maione e Federico Angelucci su tutti.
Un vero bagno di folla. Quattro o cinquecento ragazzi che in un'altra parte della festa partecipavano a "democratica - Mente": serata alternativa dedicata ai gruppi musicali emergenti.
Serata organizzata dalla segreteria provinciale dei Giovani democratici. Insomma l'ennesima spaccatura all'interno della festa provinciale del Pd alla Passeggiata, anche se stavolta maturata intorno ai contenuti e soprattutto articolata in modo civile.

Mentre sul palco si esibivano i talenti di Maria De Filippi e i teen agers si sbracciavano per i loro beniamini televisivi, da un'altra parte Linda Di Pietro (di Indisciplinarte) presentava due gruppi emergenti.
Due mondi opposti. Federico Pragliola, della segreteria dei giovani democratici, lo dice chiaro e tondo:
"La nostra era una proposta alternativa, una critica contro il modello di Amici.
Riteniamo che in questa precisa fase del nostro Paese, tanto morale e sociale quanto politica sia indispensabile contrastare un modello di società basato sul personalismo, la competizione esasperata, il sogno del successo facile.
Crediamo che tali messaggi siano deleteri e ipocriti."
Società basata sul personalismo, competizione esasperata, il sogno del successo facile? É questo il mondo di Amici?
"Demonizzare una realtà così evidente - replica l'Interamna productions che ha organizzato l'evento - significherebbe rimanere anacronistici rispetto alla società attuale in continua evoluzione.
Il pubblico della città di Terni ha potuto direttamente apprezzare il talento degli 8 ragazzi di Amici che neanche il potente mezzo televisivo è riuscito a valorizzare quanto lo splendido palco allestito nei centralissimi giardini pubblici."
La scelta di chiamare gli 8 giovani talenti di Amici è stata del responsabile organizzativo Gianni Polito.
Scelta che difende Cinzia Diamanti, dirigente del Pd che di Interamna productions è presidente onorario:
"La festa della Passeggiata è una festa della città, di tutta la città, con Amici abbiamo voluto rappresentare un pezzo importante dell'universo giovanile.
I numeri ci hanno dato ragione, la serata è stata un vero bagno di folla."
La segreteria provinciale dei giovani democratici non è d'accordo e lo sottolinea nella nota ufficiale:
"Ormai la tv generalista e commerciale si è impadronita delle menti degli italianie il fatto che il presidente ne sia il presidente del Consiglio non ci deve sorprendere, anzi.
Il Partito democratico non si può permettere il lusso d'inseguirlo sul suo stesso terreno, ma a nostro avviso deve cercare di creare un modello alternativo di società."
Da qui l'idea di organizzare la manifestazione alternativa:
"Un grido di allarme - dice la nota - per i giovani talenti che sono sempre più sopraffatti da dubbi personaggi a cui basta fare un programma televisivo per avere notorietà ed essere acclamato da migliaia di fans scatenati ai loro piedi."
Esattamente quello che è avvenuto domenica sera sotto il palco centrale della Passeggiata. Spettacolo organizzato però non da Forza Italia ma dallo stesso Pd. Pragliola parla di critica singolare e dice che i giovani Pd hanno partecipato attivamente all'organizzazione della festa tra concerti e dibattiti.
Intanto tra i viali della Passeggiata i veleni corrono a fiumi. Per esempio su un budget astronomico riservato all'evento. Taglia corto Cinzia Diamanti:
"Il costo per l'organizzazione è stato di 15mila euro. Mi sembra ampiamente ripagato dalle le presenze."
Polemiche a parte.

Giuseppe Magroni dal Corriere dell'Umbria

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia