La necessità di un'energia pulita, rispettosa dell'ambiente e a basso costo rappresenta da anni uno dei punti fermi delle politiche economiche ed energetiche dell'Unione Europea.
Il massiccio investimento dell'Europa sulle cosiddette energie rinnovabili ed ecocompatibili, oltre a rappresentare una netta posizione "morale" della Comunità sulla questione energetica, è indice anche di una vitalità imprenditoriale e scientifica in continua evoluzione che un Paese moderno deve assolutamente fare propria ed incentivare.
Il fotovoltaico, lo sfruttamento dell'energia solare, è oggi una delle risorse maggiormente impiegate a livello mondiale nel campo delle energie "pulite", con innegabili vantaggi sia sulla ricaduta ambientale che su quella economica dei costi per i contribuenti.
La tecnologia permette oggi di utilizzare l'energia solare per dotare strutture abitative e pubbliche come le scuole di una fonte di energia a costo zero e non inquinante.
In Italia, la nostra regione occupa, per quanto riguarda l'energia fotovoltaica, una posizione lusinghiera per il rapporto potenza-procapite, ma si trova ancora nei posti di rincalzo per quanto riguarda la potenza totale espressa dai suoi impianti e, soprattutto, per il numero degli stessi.
Aumentare il numero di impianti fotovoltaici significa, quindi, aumentare la qualità di un'offerta energetica che già ci pone, in termini assoluti, ai vertici della Nazione (vedi scheda).
È da questa premessa e da questa convinzione, che il bando "1000 tetti solari Terni" prende le mosse, un bando che intende promuovere lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili attraverso la concessione di contributi per l'installazione di tecnologie atte a tale scopo.
Il bando disciplina le procedure per la concessione ed erogazione di un contributo in conto capitale, nella misura del 100% del costo d'investimento, per interventi di realizzazione di 1000 sistemi fotovoltaici di potenza pari a 3kWp su complessi edilizi/unità abitative privati, collegati alla rete del distributore locale di energia.
I soggetti proponenti Società ASM di Terni spa, Agesa srl, Consorzio abn – a&b network sociale, Carit spa e Carispo spa, da sempre sensibili ed impegnati nelle problematiche energetiche ed ambientali sui temi dello sfruttamento delle fonti Energetiche Rinnovabili, si propongono, in tale senso, di costituire uno strumento non solo per l'ammodernamento e l'abbattimento dei costi dell'approvvigionamento energetico della nostra Provincia, ma anche per la sensibilizzazione della Comunità alle tematiche dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile.
Il protocollo d'intesa, firmato insieme al Gse spa (società controllata del Ministero dell'Economia, alla quale sono attribuite per legge le funzioni di promozione, incentivazione e sviluppo delle fonti rinnovabili sul territorio nazionale) e Gepafin (società finanziaria della Regione Umbria per piccole e medie imprese che incentiva iniziative legate alla sostenibilità ambientale ed alla produzione di energia da fonti rinnovabili), oltre a rappresentare garanzia economica per la realizzazione del progetto, risponde pienamente all'intento espresso dal Consiglio Europeo nell'obiettivo vincolante
"del 20% entro il 2020 del totale dei consumi di energia da fonti rinnovabili."
Il protocollo, firmato dalla Regione, dall'Anci Umrbia e dall'Upi Umbria, è testimone infine dell'impegno concreto e condiviso verso una politica ambientale sostenibile in un sistema integrato di pubblico e privato capace di operare secondo i principi di diligenza e collaborazione nell'interesse della Comunità e dei singoli cittadini.
La presenza degli impianti, che interesserà l'intero tessuto della Provincia, è stata calcolata proporzionalmente agli abitanti di ciascun Comune (vedi scheda).
Il progetto, è importante sottolinearlo, è pensato per le famiglie e ad esse si rivolge principalmente.
Innanzitutto, offrendo un servizio di assistenza completa senza alcun costo per la manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto, grazie agli incentivi sulle fonti rinnovabili.
Soprattutto, l'installazione di pannelli fotovoltaici permetterà alle famiglie un consistente risparmio economico che, tramite il pagamento di "una tantum" iniziale, azzererà il costo della bolletta energetica per venti anni, una spesa che, con le recenti crisi energetiche dovute all'aumento del prezzo del petrolio, è divenuta sempre più fonte di preoccupazione per le famiglie.
Infine, il bando integra il regolamento edilizio del Comune di Terni sul fotovoltaico, volto alle nuove costruzioni, permettendo a quelle già esistenti di dotarsi di una tecnologia innovativa, pulita e a basso costo.
i benefici, però, non riguarderanno solamente i nuclei familiari che beneficeranno dell'installazione, ma la Comunità tutta, con una riduzione sostanziale delle emissioni di Co2 ed altri gas nocivi in atmosfera e con un risparmio energetico globale di barili di petrolio che sicuramente andrà ad incidere sul costo totale dell'energia.
In un modo dove la nuova economia e la nuova architettura guardano insistentemente allo sviluppo ecosostenibile e all'integrazione tra strutture umane e sistemi naturali, questo progetto rappresenta un motivo di orgoglio e di sensibilizzazione per la nostra Comunità, in grado di perseguire indiscutibili vantaggi ambientali insieme a concreti riscontri economici (vedi scheda).
Il nostro augurio e la nostra speranza è che, con la conoscenza e la pubblicizzazione di questa e altre iniziative similari, si possa contribuire a costruire la società del futuro, un futuro pulito, sostenibile e accessibile per tutti.

da Agesa


pannelli fotovoltaici
Qui trovate tutti i documenti e le informazioni sul Bando 1000 tetti solari per Terni.
Sappiate che esistono alternative anche più convenienti a questo bando, comunque se volete consulenza e informazione diretta sull'installazione di un impianto con finanziamento al 100% potete chiedere tutte le informazioni che desiderate attraverso il seguente modulo.
Sarete ricontattati al più presto.

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia