L'effetto delle liberalizzazioni introdotte anche nel mercato delle assicurazioni auto, se pur con qualche fisiologico ritardo, è finalmente arrivato.
Le tariffe tra il 2007 e il 2008 sono scese del 4%. A testimoniarlo, la consueta ricerca di mercato riportata nel
"Libretto rosso delle assicurazioni"
del mensile "Quattroruote".
La media delle 16.050 tariffe registrate nel 2008 è pari a 722 euro. Quella relativa all'anno scorso (su 14.445 diverse opzioni di prezzo) era stata di 752 euro, 30 in più.
Un tiro di sollievo (leggero, per carità), finalmente, per le tasche dei consumatori. L'analisi condotta da Quattroruote ha preso in esame trenta compagnie assicurative operanti nei 107 capoluoghi di provincia italiani.
Ebbene, è stato rilevato come le tariffe in Italia siano comprese tra un minimo di 168 euro e un massimo di 4.300.
Ma vediamo come sono andate le cose a Perugia e a Terni. Dapprima, però, una precisazione circa la modalità di ricerca: sono stati ipotizzati sei profili distinti (uno, uomo di 18 anni alla guida di una Fiat Panda 1.2, inserito nella prima classe di merito in seguito alla riforma Bersani - due, donna di 35 anni su Fiat Punto 1.2, proveniente dall'ottava classe - tre, uomo di 40 anni su Ford Focus 1.6d, da due anni in prima classe - quattro, uomo di 24 anni su Renault Scenic 1.9d, proveniente dall'undicesima classe - cinque, donna di 50 anni su Audi a4 2.0d, dalla terza - sei, uomo di 65 anni su Peugeot 307 1.4, dalla quarta classe di merito), a ognuno dei quali corrisponde, come normale, un diverso "trattamento" da parte delle compagnie esaminate.
A Perugia, in particolare, è stato registrato un calo record per i profili femminili: -25,7% per le 35enni, -19,3% per le 50enni.
Ma il segno meno domina anche negli altri profili esaminati: -13,4% per il caso tre, -10,7% per il quattro, -5,4% per il sei (unica eccezione riguarda il profilo uno, non confrontabile con il 2007).
Con meno di 400 euro, quest'anno, nel capoluogo umbro ben tre diversi profili possono riportare a casa una polizza.


Nel 2007 ci riusciva soltanto uno. La tariffa più bassa, nel perugino, è quella proposta dalla Direct Line (266 euro per il profilo tre).
Quella più alta è firmata Zurich Connect (2.320 euro). Da sottolineare come in quattro casi su sei le migliori offerte appartengano a compagnie di vendita diretta.
Le compagnie più convenienti sono state, a Perugia, Groupama (527 euro, per il profilo uno), Direct Line (310, profilo due), Direct Line (266, profilo tre), Quixa (973, profilo quattro), Allianz Ras (372, profilo cinque), Direct Line (577, per il profilo sei).
Le più care: profilo uno (nuovo contratto, prima classe di merito come da legge Bersani) Direct Line (2.024 euro), profilo due (settima classe) Italiana (584), profilo tre (prima) Reale Mutua (530), profilo quattro (decima classe) Zurich Connect (2.320), profilo cinque (seconda) Duomo (739), infine profilo sei (nona classe) Duomo (904 euro).
Passando a Terni, il "Libretto" ha messo in evidenza come per il 2008 le compagnie più a buon mercato sono risultate essere: per il profilo uno, Sara (484 euro), due Direct Line (310), tre Quixa (238), quattro Quixa (871), cinque Allianz Ras (368), sei Vittoria (550 euro).
Di contro, le più esose: per l'utente corrispondente al profilo uno, Dialogo (2.487 euro), due Aviva (542), tre Aviva (507), quattro Zurich Connect (2.398), cinque Fata (709), infine sei Dialogo (928 euro)
Daniele Brizi
dal Corriere dell'Umbria Domenica 2 Novembre 2008


Stufi di pagare cifre esorbitanti per la vostra assicurazione auto? Chiedete, senza impegno, un preventivo diretto compilando il form che segue.

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia