Nuovi rilievi della sezione regionale di controllo della Corte dei conti rispetto all'utilizzo degli strumenti di finanza derivata da parte del Comune di Terni.
Le irregolarità commesse nell'iter di sottoscrizione dei contratti "swap" e "Irs" sottoscritti da Palazzo Spada, fanno seguito ad un'indagine conoscitiva svolta dall'organismo di controllo contabile regionale sull'utilizzo di questi strumenti finanziari da parte dei maggiori comuni umbri, delle due province e della Regione dell'Umbria.
I rilievi mossi al Comune, nella relazione finale stilata dal presidente Caruso, sono analoghi a quelli mossi ad altre amministrazioni tra le quali anche la Provincia di Teri, il Comune di Narni e quello di Orvieto.
In particolare, tra i vizi di legittimità legati all'attivazione di questo tipo di contratti, la sezione regionale di controllo della Corte dei conti ha individuato l'iter seguito dalla giunta comunale, che si è limitata a stipulare gli accordi con gli istituti di credito senza garantire la necessaria verifica da parte dell'organo di indirizzo e controllo.
"Tutte le operazioni - scrive la Corte dei conti - sono state concluse senza la preventiva deliberazione del consiglio comunale, il quale, in quanto organo di indirizzo e di controllo amministrativo, è il soggetto al quale è riservata la potestà di decidere in merito alla conclusione di tale tipologia di operazione."
La Corte dei conti ha anche ribadito i contenuti della deliberazione dello scorso ottobre, che aveva chiarito
"la grave irregolarità contabile, derivante dall'omessa contabilizzazione delle perdite causate dal mark to market negativo nei bilanci e dalla conseguente violazione della Costituzione."
Evidenziato anche come il mark to market, per un contratto swap, risulti negativo e superiore alla soglia delle perdite effettive e potenziali stabilita dai contratti.
Sulla vicenda è intervenuto con una nota il consigliere comunale dell'Udc Enzo Bongarzone secondo il quale
"il quadro rappresentato dalla magistratura contabile è tutt'altro che positivo e denota quanto da sempre segnalato: un giudizio senza appello sulla pessima qualità della gestione finanziaria del Comune in questi anni"
Corriere dell'Umbria Giovedì 22 Gennaio 2009

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia