La Decathlon sbarca a Terni?!

La catena di produzione e grande distribuzione sportiva di articoli sportivi ed attrezzature per il tempo libero "Decathlon" è pronta a sbarcare in Umbria e a fare di Terni la propria sede principale della regione.
La multinazionale sportiva francese, con 48 punti vendita e oltre 4 mila dipendenti, è infatti il principale partner della ditta Edilstart, che sta chiedendo al Comune la cessione dell'area industriale di 31 mila metri quadrati che avrebbe dovuto ospitare l'ipermercato della Coop a Maratta Est.
In una delle prossime sedute del consiglio comunale (dopo l'ok ottenuto in commissione il 2 gennaio), approderà infatti la delibera della giunta comunale che prevede l'assegnazione diretta del lotto alla società ternana per il corrispettivo economico di 850 mila euro, a fronte di un
"inequivocabile interesse pubblico."
Edilstart ha dato la disponibilità a mettere a disposizione del Comune uno spazio espositivo (l'idea è quella di un museo dei motori, localizzando una collezione o una raccolta di cimeli storici relativi ai grandi campioni ternani del motociclismo e dell'automobilismo) oltre ad una struttura di servizio scolastico, a disposizione del personale che opererà nella struttura e della circoscrizione di riferimento.
Oltre allo store di "Decathlon", Edilstart ha presentato anche un piano che prevede anche la localizzazione di un'altra azienda partner, questa volta locale, di consolidata esperienza nel settore dei servizi all'artigianato con particolare specializzazione nell'impiantistica e nelle finiture.
La società proponente, però, oltre all'assegnazione diretta ha chiesto anche una deroga al diritto di vendita o locazione prima della scadenza di 5 anni, rispetto a quanto previsto dal regolamento delle aree Paip.
Un'ipotesi che non ha convinto appieno il consigliere comunale dell'Udc, Enrico Melasecche, intenzionato a chiedere il ritorno in commissione dell'atto.
"Il problema è di metodo, non di merito - attacca il consigliere di opposizione - riteniamo opportuna, infatti, la presentazione di un piano economico-finanziario trasparente e concreto.
Non siamo contrari al fatto che un'azienda ternana abbia la forza di investire e creare opportunità economiche, seppure in un'area appetibile e di grande valore come quella che lungo la Marattana.
É però necessario che siano messe tutte le carte in tavola per poter giudicare e non consentire vicende analoghe a quelle dell'area di Sabbione assegnata per un'iniziativa mai concretizzata."
Il riferimento, neppure troppo causale, è alla vicenda che approderà domani in quarta commissione "Controllo e garanzia", presieduta da Giuseppe Conti di An.
Si tratta, infatti, della mancata attivazione di un polo immobiliare, assicurativo e finanziario proposto dal gruppo olandese "Boga", che aveva permesso un'assegnazione in deroga alla ps Costruzioni di Terni.
Strada facendo, però, gli olandesi avrebbero cambiato strada, mentre sull'area sarebbe prossimo l'insediamento della "Agrivillage", un'azienda che dovrebbe occuparsi di distribuzione del settore agricolo

2 commenti

  1. Gillo  

    16 gennaio 2009 14:11

    credo che sia un'ottima cosa
    ha materiale buono ai prezzi giusti
    e finalmente non bisognera' andare a roma
    per acquistare !

  2. Anonimo  

    21 gennaio 2009 15:52

    menomale...un negozio di sport un pò diverso. Hanno molto assortimeto per qualsiasi sport...eheh mi sa che farà sbaraccare woderful (sport system) a corso vecchio ;)


    sapete se a terni è prevista l'apertura di un auchan?!?!?!?

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia