Con qualche mese di ritardo sulla tabella di marcia è tornato in funzione venerdì scorso l'impianto di preselezione dei rifiuti solidi urbani dell'Asm a Maratta.
L'impianto era stato fermato a gennaio scorso per problematiche di natura autorizzativa ed aveva costretto l'azienda che gestisce a Terni il ciclo dei rifiuti a trasferire tutto il materiale raccolto ad Orvieto, all'impianto della Sao.
La rimessa in funzione dell'impianto è stata comunicata ieri in un colloquio telefonico dal presidente dell'Asm Stefano Tirinzi al sindaco Raffaelli.
Nei mesi scorsi, dopo un lungo iter che aveva visto un rimpallo di responsabilità tra Regione e Provincia, la ripresa dell'attività dell'impianto è stata consentita con il rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale ed a seguito di una serie di lavori di adeguamento, conseuenti alle prescrizioni indicate dalla Conferenza dei Servizi.
"L'attiguo impianto di trasferenza ha sempre proseguito la propria attività a servizio del Comune di Terni e dei 13 Comuni dell'Ambito territoriale ottimale di competenza"
, precisano l'azienda di Maratta e il Comune di Terni.
Con la riattivazione dell'impianto di selezione è previsto un risparmio di circa 10 euro a tonnellata, che complessivamente comporterà un minor costo di gestione del servizio, su base annua, di circa 700 mila euro nella composizione della tariffa del 2009

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia