Da rinvio a rinvio, da annuncio ad annuncio, la situazione del Tulipano rimane immutata: i lavori di ristrutturazione non iniziano e le sole novità, ad oggi, sono la chiusura di una struttura commerciale (20 lavoratori licenziati) e la difficilissima sopravvivenza dell'unica rimasta aperta, la tabaccheria, nel deserto più totale.
Oltre a ciò, è forte la preoccupazione per un altro rischio reale che deriva dai disagi che la struttura, una volta ultimata, produrrà alla viabilità, tanto che il Consiglio di Circoscrizione, a tal riguardo e in merito alla realizzazione di ulteriori strutture, in particolare a Colle dell'Oro, ha già espresso pareri che richiamavano questi rischi ipotizzando anche soluzioni atte a superarli.

Immettere nella rotonda Marinai d'Italia altri veicoli significa paralizzare ulteriormente, soprattutto in alcuni orari, la viabilità di Borgo Rivo e della IV Circoscrizione.
È improcrastinabile la priorità che, unitamente alla ristrutturazione dell'ex Tulipano, si potenzino le infrastrutture viarie e, in particolare, l'adeguamento di Strada del Cerqueto e Via dei Colli, al fine di consentire il raggiungimento di Via Bramante baipassando Ponte Le Cave.
Tali interventi sono indispensabili e vanno realizzati prima che siano ultimati i lavori del complesso residenziale e commerciale.
L'idea che tutto ciò avvenga successivamente sarà fermamente contrastata perché equivale a proseguire una politica che, di fatto, non ha reso possibile adeguare le infrastrutture viarie ad un territorio che ha subito una forte edificazione in assenza di interventi in grado di garantire una scorrevole viabilità.
Ne è un esempio la mancata realizzazione della bretella di collegamento fra Via del Centenario e Maratta, da 15 anni nell'agenda delle cose da fare ma che non ha ancora trovato l'avvio dei lavori.
Occorre su queste problematiche segnare una svolta che dia la certezza ai cittadini che ulteriori realizzazioni edilizie o ristrutturazioni di complessi rilevanti non avverranno senza che siano realizzate, contestualmente, nuove infrastrutture viarie o adeguate quelle già esistenti.
La situazione presente sul territorio della IV Circoscrizione non consente alternative a questa concezione dello sviluppo urbanistico senza la quale si va incontro alla paralisi dell'intero territorio.
Circoscrizione Colleluna Mercoledì 4 Febbraio 2009

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia