Manovre verso le elezioni amministrative 2009

Roberto Montagnoli ha chiesto ai delegati dell'assemblea provinciale del Pd una sorta di fiducia blindata in cinque punti che - ha detto ieri sera in apertura di seduta al Valentino -
"propongo alla discussione e al voto e che vanno votati integralmente, perché insieme formano e danno coerenza ad una impostazione politica e piena agibilità di movimento al segretario per intervenire in tutte le situazioni critiche del territorio."
Uno, coerenza sulle alleanze di centrosinistra che va estesa a tutto il territorio: ergo, non è possibile fare alleanze con l'Udc o col centrodestra in Comuni minori.
I sindaci al primo mandato vanno riconfermati: dunque su Orvieto pieno appoggio del partito all'uscente Mocio che comunque dovrà vedersela con Loriana Stella in primarie interne.
Le primarie si faranno e saranno di coalizione, data fissata il 5 aprile proprio per dare tempo agli alleati di organizzarsi e soprattutto di condividere
"una base programmatica che possa dare sostanza ad una nuova alleanza di centrosinistra."
Le eventuali altre candidature dovranno essere presentate entro il 18 marzo ma la riapertura dei termini per la presentazione delle candidature - sottolinea Montagnoli - vale solo per gli alleati: per il Pd valgono solo e soltanto le candidature già presentate.
Questo sia per i Comuni di Orvieto e Terni che per la Provincia. Nel caso gli alleati, ad oggi freddini ammette lo stesso Montagnoli, non presentassero candidati le primarie si trasformeranno in primarie del Pd.
Montagnoli ringrazia Liviantoni per il passo indietro in Comune che ha lasciato al momento il solo Di Girolamo a correre; ammette che sia per Orvieto, Loriana Stella contro Mocio, sia per la Provincia
"né Fabio Paparelli né Feliciano Polli hanno fatto passi indietro e il partito non ha l'autorevolezza per costringerli."
Dunque sia a Orvieto che in Provincia primarie. Ma primarie molto particolari, come specificato dai punti 4 e 5 messi a votazione, perché su Orvieto il partito si schiera per la riconferma di Mocio e
"sul profilo del presidente della Provincia il Pd ritiene fondamentale orientare nelle primarie i propri elettori verso la figura che può identificare una rappresentanza plurale del partito, perché ritiene tale scelta strategica per la competitività elettorale a partire dalla città di Terni."
E perché, rivela Montagnoli, questo è l'orientamento assolutamente maggioritario emerso dai colloqui coi dirigenti del partito di questi giorni.
Lo schema è quasi banale: al Comune c'è un ex Ds, Leo Di Girolamo, dunque la Provincia va, per tenere coeso il partito e soprattutto vincere le elezioni, a un ex popolare.
Dato che l'unico candidato Pd ed ex Margherita con le firme raccolte per le primarie in Provincia è Feliciano Polli, l'appoggio del Partito democratico andrà a Feliciano Polli.
Le altre candidature Pd sono legittime, quella di Fabio Paparelli, ma non godranno l'appoggio del partito.
Che significhi questo è ancora tutto da vedere e decifrare. Uno schema e un ragionamento che vedrebbe d'accordo le anime Raffaelli-Di Girolamo, Rossi, si dice il sindaco Bigaroni a Narni.
Ma non i popolari, almeno non tutti. Il primo intervento dopo Montagnoli è infatti quello di Eros Brega, piuttosto tirato. Al segretario provinciale che chiedeva al partito coerenza Brega rimprovera aspro incoerenza per l'asimmetria delle candidature:
"Al Comune per scegliere un ex Ds, Leo Di Girolamo, fate l'accordo politico, al quale abbiamo partecipato anche noi.
In Provincia il nostro pluralismo dovremmo faticarcelo con le primarie."
Insomma una furbata, perché in primarie per la Provincia pur orientate dal partito il diessino Paparelli rischia di battere il margherito Polli.
Brega non ci sta e chiede due cose:
"o accordo politico per tutto, a Terni, a Orvieto e in Provincia, e sarebbe stato meglio."
Oppure
"riaprire i termini delle candidature anche per il Comune di Terni, e non solo per il resto della coalizione ma anche per noi democratici."
Forse anche per lui Eros Brega. La discussione è andata avanti fino a notte inoltrata

Giuseppe Magroni
Corriere dell'Umbria Martedì 10 Marzo 2009

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia