Cantamaggio C'e'
"Oh, non dite al prete della nostra promessa ché la chiamerebbe peccato. Ma noi siamo stati fiori nei boschi tutta la notte"
Rudyard Kipling, a Tree Song Nell'antica Roma erano i Ludi Florales o Floralia, celebrati dal 28 aprile al 3 maggio in onore di Flora, antica dea italica della vegetazione in fiore.
La notte del primo maggio era sacra a Bona Dea, ai cui misteri non erano ammessi gli uomini, mentre il giorno dopo si celebrava Maia, dea della terra che nutre gli uomini.
La festa, impudica e gioiosa, comprendeva spettacoli teatrali e cacce ad animali mansueti, offerti in premio alle cortigiane vincitrici di licenziose gare di corse e combattimenti.
In Europa, la notte del 30 aprile i Celti festeggiavano Beltane, momento particolare dell'anno in cui era possibile entrare in contatto con il regno degli spiriti e quello delle fate. Ma Beltane era in primo luogo la festa sacerdotale del fuoco sacro e dei riti di fertilità su cui vegliava la Dea Madre che dominava allo stesso tempo il destino dei semi e quello dei morti ed era perciò venerata come dea della morte e della rigenerazione.
In Germania e nei Paesi scandinavi la notte del 30 aprile era la Notte di Valpurga, tenebra in cui agivano demoni e streghe e nel crepitio dei fuochi la dea incontrava il dio, fecondando così la terra. In Italia, già dal '300, l'inizio della bella stagione era celebrato con tornei dove il vincitore, personificazione del trionfo della luce sulle tenebre, otteneva il diritto di sposare la damigella per cui si era battuto. Era il Calendimaggio, una tradizione viva ancor oggi in molte regioni come allegoria della rinascita.
In molte località europee, intanto, si formavano comitive di giovani che giravano per i villaggi cantando stornelli e augurando la buona fortuna. Rami e fiori venivano portati dai boschi la mattina di Beltane per decorare porte e finestre o per fabbricare ghirlande da offrire in giro per le strade, chiedendo in cambio una ricompensa.
Nei paesi anglofoni, il simbolo della festa della primavera era l'albero o il palo piantato nelle piazze dei villaggi e adornato di nastri multicolori, e se ancora oggi in Gran Bretagna si celebra il May Day con carri, danze, parate e incoronazioni di re e regine di maggio, in Cornovaglia un uomo-cavallo fa il giro del villaggio molestando fanciulle: è Obby Oss.
In Spagna, nei primi giorni di maggio, è la Festa della Santa Croce l'occasione per celebrare la primavera, mescolando il sacro con il profano nella corsa dei caballos del vino.
In Francia e in Svizzera, la notte del 30 aprile sfilano carri addobbati di rami fioriti e si danza intorno all'albero di maggio intrecciando destini: è il Feuillu. a Terni era la notte del 30 aprile 1896 quando una comitiva di amici capitanata dal poeta Furio Miselli si avviò per le campagne dicendosi decisa a rifondare "le antiche usanze".
Portavano appresso un ramo fiorito ornato di lanterne, un maggio luminoso da piantare nell'aia dei casolari presso i quali si sarebbero fermati a cantare. Con gli anni le comitive dei maggiaioli si moltiplicarono. Quell' arburittu fu presto collocato su un carretto, poi su un carro che dalle campagne si trasferì in città. I carri di maggio presero a competere tra loro in bellezza; con il progresso divennero sempre più sofisticati. Puntualmente salutati ogni 30 aprile dalla città in festa, con loro la magia di un' antica notte di primavera. É il Cantamaggio ternano. Che piova o ci sia il sole, c'è.
Cantamaggio Sabato 25 Aprile 2009

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia