Il borgo di Polino, sulle pendici del Monte La Pelosa, conserva numerose vestigia dell'antichità.
Il paese di Polino prende il nome dall'omonima famiglia di feudatari che l'ebbe sotto il proprio dominio nel corso del XII secolo. L'abitato, circondato da boschi secolari, si è sviluppato in funzione di un poderoso castello di cui oggi rimangono importanti resti.
L'edificio presentava una pianta poligonale ed era sormontato da un maschio circolare; dell'originaria struttura architettonica sono ben visibili due torrioni, anch'essi circolari, che rafforzavano la parte centrale della fortezza.
Una doppia cinta muraria proteggeva Polino dagli attacchi nemici. Nel '600, durante la dominazione della famiglia Castelli, l'urbanistica del borgo subì notevoli cambiamenti: vennero edificati imponenti palazzi e opere architettoniche.
La monumentale Fontana Barocca risale a quest'epoca. Lasciando il centro abitato, ci si trova circondati da verdi boschi. Numerosi sentieri escursionistici offrono la possibilità di ammirare una natura varia e rigogliosa. In inverno, inoltre, gli impianti di risalita permettono di raggiungere, in alta quota, alcune piste da sci.
Tra i numerosi appuntamenti organizzati dalla Pro-Loco, si segnala l'ormai tradizionale Festa della Castagna che si svolge nell'ultima settimana di ottobre.

rocca di polinofoto da webumbria.it
Monumenti
  • Resti del Castello
  • Chiesa di San Michele Arcangelo
  • La Rocca
  • Fontana barocca

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia