Seguirà tutto. Le attività rugbistiche nelle scuole la mattina, le squadre giovanili il pomeriggio, la prima squadra di sera.
Adrian Di Giusto, 42 anni, è il nuovo coach della Centralmotor Terni. Assume il ruolo di direttore tecnico e si rapporterà con tutti i tecnici delle giovanili. Martedì sera l'incontro con il presidente Alessandro Betti e l'accordo tra i due per un programma triennale.
Si trasferirà a Terni per seguire da vicino ogni giorno tutte le espressioni del rugby rossoverde. Il nuovo allenatore dei Draghi, che ieri ha incontrato i giocatori, ha un curriculum lungo. In Argentina ha giocato da pilone nell'Estudiantes Paranà e nell'Atletico Rosario. Come allenatore ha guidato l'Estudiantes (dove ha avuto anche l'attuale pilone della nazionale italiana Martin Castrogiovanni) e delle rappresentative Under 19 ed Under 21.
Da tecnico e da giocatore vanta pure esperienze in diversi paesi del mondo tra i quali Australia, Nuova Zelanda, Isole Fiji e Sud Africa. Ora vive in Italia. É sposato con Cristina Tonna, responsabile federale del settore femminile. É stato coallenatore in serie A (al Frascati) ed in serie B (all'Asti) ed ha allenato il Lecco.
Nella stagione passata ha guidato il Cus Perugia. L'avventura dei Draghi è già una sfida.
"A Lecco – dice – la squadra raccoglie ottimi risultati e parecchi dei suoi giocatori li ho formati io a livello giovanile. A Perugia presi il Cus in una situazione non facile e riuscimmo ad andare dalla serie C alla B. Ebbene, io punto a ripetere a Terni le stesse esperienze."
Giovanili e prima squadra, per Di Giusto, sono due settori che devono andare di pari passo.
"i risultati della prima squadra sono lo specchio di una società. Dobbiamo mirare ad un gruppo con ottimi elementi ed una rosa competitiva, per puntare al salto di qualità. Ma la costanza dei risultati e la crescita del movimento dipendono da come si gettano le basi del settore giovanile, a partire dal "
propaganda" e dal minirugby". Ha un progetto.
"Sono ambizioso. Qui, se si lavorerà bene, si farà qualcosa di importante. Tutto è già ben avviato, grazie anche al lavoro svolto da Mario Pariboni."
Ma riuscirà a conciliare le scuole con le giovanili e con la Seniores?
"Sono qui apposta ed ho già una certa esperienza su questo."
Il presidente Alessandro Betti è pronto a scommettere sul coach argentino:
"Noi non abbassiamo la guardia sul livello della prima squadra.
Ma allo stesso tempo aumentiamo l'attenzione sui giovani. Perciò ci affidiamo ad una persona competente. Di Giusto ha già incontrato il team manager (e giocatore ndr) Iacopo Borghetti, il preparatore atletico Cesare Alessandrini ed alcuni tecnici.
Il nostro progetto è ambizioso e coincide con quello del coach."
di Paolo Grassi
Il Messaggero Giovedì 9 Luglio 2009

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia