Valnerina: 4 autovelox in 7 km

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è il quarto autovelox installato in prossimità del ristorante Fontegaia: lungo la statale Valnerina in direzione Ferentillo.
Ora in poco meno di 7 chilometri, tra Arrone, Montefranco e Ferentillo, se ne contano 4. Troppi. Per questo la Federconsumatori ha deciso che è arrivato il momento di vederci chiaro per capire cosa sta succedendo.
"Chiederemo ai sindaci dei comuni interessati - annuncia Umberto Ricci, segretario della Federconsumatori - i certificati per controllare sia la taratura che l'omologazione di questi apparecchi."
La trasparenza in questi casi non è mai troppa e l'ultimo scandalo autovelox esploso nel casertano, con oltre 200 indagati tra sindaci e assessori, spinge la Federconsumatori a tenere alta la guardia.
"Andremo a verificare - dice ancora Umberto Ricci - se l'ultimo apparecchio installato rientra nel piano del decreto prefettizio stabilito alcuni mesi fa."
Insomma, i sindaci di Arrone, Ferentillo e Montefranco si sentiranno il fiato sul collo.
"È già capitato - ricorda Ricci - di aver beccato nella bassa Teverina autovelox non omologati."
Come dire: uomo avvisato mezzo salvato. Anche perché, alla storia della sicurezza stradale che questi autovelox dovrebbero garantire, la Federconsumaotri non ci crede più.
"i sindaci di molte città umbre - accusa Ricci - stanno usando questi apparecchi solo per fare cassa."
Inoltre, lungo la "Valnerina ternana" quattro autovelox - secondo il ragionamento del segretario - non fanno bene al turismo.
"c'è il rischio che chi viene in Valnerina per trascorrere qualche ora di relax, si ritrova a pagare dopo due mesi una multa di 160 euro per aver superato di tre chilometri orari il limite dei cinquanta."
Con il risultato che tale atteggiamento potrebbe vanificare gli sforzi fin qui fatti per sviluppare un sistema turistico ricettivo intorno alla Cascata delle Marmore.
S.Cap.
Il Messaggero Mercoledì 12 Agosto 2009

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia