Angelo Deodati e la Ternana che verrà

Ternana Calcio "La Ternana non è da Prima divisione. Deve giocare in serie B. É per questo che ho intrapreso questa avventura, perchè voglio vincere. Certo non sarà facile, ma vi assicuro che ho già i miei uomini al lavoro per potenziare la squadra. Se lavoriamo tutti insieme si può vincere."
Queste le prime parole in pubblico da presidente della Ternana per Angelo Deodati. Parole sospinte anche dal boato delle centinaia di tifosi (con qualche contestazione per la "vecchia" dirigenza) accorsi all'antistadio sfidando il gran caldo proprio per vedere da vicino il nuovo numero uno. Non sono rimasti delusi. Addirittura Deodati alla fine della partitella è uscito dai cancelli gettandosi in mezzo alla gente. "Tutti insieme possiamo vincere", ha ripetuto più volte a tifosi, giocatori e giornalisti presenti. Come quasi a voler essere il presidente di "tutti". Progetti
"é ovvio che puntiamo alla Ternana in serie B. Non sarà facile certo, ma ci proveremo con tutte le forze. Già stiamo lavorando per questo, e presto arriveranno rinforzi per farci fare il salto di qualità (ne scriviamo a parte, ndr). Ora mi serve tempo per capire come sistemare i diversi settori della società. Vedremo. Ho parlato con i giocatori, ho spiegato loro quali sono i nostri programmi. Devono dare il massimo e vincere. Ho parlato con il mister, mi ha fatto una buona impressione. Io sono un uomo che ha sempre lavorato nel mondo del calcio (ha iniziato nei ruoli dirigenziali nel ‘92 con il Frosinone, per passare poi a Viterbese, Ancona, Livorno e Latina, ndr) e quindi so che qui esistono le potenzialità per fare qualcosa di importante. Non a caso una decina di anni ci avevo già provato a prendere questa squadra. L'importante è che ognuno faccia il suo. Dicono che sono un presidente mangiallenatori? Non è vero, so solo che un anno ho preso una squadra ad ottobre che era messa male e gli ho fatto vincere il campionato."
Longarini
"Come è stata la trattativa con Longarini? Per niente difficile. Voglio che diciate che Longarini è stato un gran signore, che ha lasciato una società sana e ci ha rimesso parecchi soldi. Ci siamo trovati d'accordo su tutte le questioni e poi abbiamo concluso."
Capitolo Jimenez.
"Posso solo dire - spiega il presidente - che la gestione del cartellino di Jimenez resta a Longarini. Questo è quanto."
Resta da capire sotto quali forme l'accordo sia stato trovato e a questo punto quale sarà il futuro del cileno, visto che martedì prossimo scade il termine per il mercato dei giocatori tesserati. Ma questo al momento sembra l'ultimo dei problemi della Ternana. Società Per quanto riguarda lo staff Deodati ancora dovrà prendere delle decisioni (ne scriviamo a parte). Dopo la partitella della squadra il presidente (accolto allo stadio da Antonio Arcangeli) ha tenuto un colloquio con Poerio Mascella, mentre non c'erano Andrea e Simone Montemari. Tifosi Poi la chiusura è per i tifosi.
"So che qui ci sono da riconquistare i tifosi. Voglio riuscirci, perchè sono determinanti per il successo della squadra. Sono sicuro che ci seguiranno con molto entusiasmo sin dalle prossime gare."

Al termine dell'allenamento il presidente saluta i tifosi, poi sale in macchina verso Roma. Tornerà a Terni domenica, e poi lunedì

Massimo Colonna
Corriere dell'Umbria Venerdì 27 Agosto 2010

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia