La Truffa dei Fondi Pensione

La Truffa dei Fondi Pensione: "Tasso" perde il pelo ma non il vizio

Cgil, Cisl Uil,Ugl eFismic, dopo aver firmato a partire dal 23 luglio 1993 una sequenza di accordi che hanno ridotto le nostre future pensioni sotto la soglia della povertà , in pieno conflitto di interessi hanno creato insieme ai padroni i vari fondi pensione cui hanno tentato di far aderire i lavoratori mediante la modalità di adesione truffaldina del "silenzio assenso" mettendo a rischio -tramite le banche- nei mercati finanziari il nostro salario differito nel futuro cioè le nostre pensioni.
Un esempio delle pensioni che ci spetteranno, grazie alla concertazione sindacale con imprese e governi, dopo una vita di lavoro: in questi giorni l'Inps ha deciso di oscurare la proiezione della futura pensione dei lavoratori parasubordinati (cioè i precari con contratti co.co.co e co.co.pro, i collaboratori occasionali, i lavoratori dipendenti con partita iva individuale) e di dichiarare solo l'ammontare dei contributi da loro versati. Il motivo? Ce lo spiega lo stesso presidente dell'Inps Antonio Mastrapasqua: 

"Se dovessimo dare la simulazione della pensione ai parasubordinati rischieremmo un sommovimento sociale."

La volpe perde il pelo ma non il vizio: in questi giorni di pesante crisi economica e finanziaria il segretario provinciale di Terni della Fim-Cisl Celestino Tasso spaccia i fallimenti di Cometa (fondo pensione per i metalmeccanici) per successi vantando come grandi vittorie percentuali ben al di sotto dell'inflazione e della resa del TFR.
Vogliamo ricordare ai lavoratori, che in massa hanno compreso l'inganno e non hanno aderito in larga maggioranza ai fondi pensione nonostante le pressioni dei sindacati di Stato e dei padroni- che l'adesione ad un fondo pensione è come un ergastolo: infatti dopo aver aderito non è più possibile uscirne. Basta giocare con i diritti, i salari e le pensioni dei lavoratori.

Per l'esecutivo provinciale
Cobas Lavoro privato
Thyssenkrupp
Marco Bartoli
COBAS-Confederazione dei comitati di base
sede provinciale di Terni, via del Lanificio 19a
apertura: lunedì dalle 17 alle 20
tel. 328 6536553 fax 0744 431314
cobastr@yahoo.it
Venerdì 12 Novembre 2010

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia