É stato presentato e firmato ieri mattina il primo protocollo d'intesa a livello nazionale fra Provincia di Terni, Regione Umbria, Comune di San Gemini, Telecom e Aspasiel per l'avvio del primo Living Lab in Umbria a San Gemini basato sulla piattaforma "smart town". Il protocollo avvia infatti la sperimentazione nel comune di San Gemini improntata alla realizzazione di infrastrutture che avranno come principale obiettivo l'efficienza energetica e il monitoraggio ambientale per un sistema ecosostenibile. Erano presenti il presidente della Provincia di Terni Feliciano Polli, l'assessore regionale a Turismo e Cultura Fabrizio Bracco, Leonardo Grimani, sindaco di San Gemini, Stefano Cinquini, responsabile pubblic sector Umbria-Toscana di Telecom Italia, Mauro Battistoni, consigliere delegato di Aspasiel e Georgios Giovanakis di Tk-Ast. A San Gemini verranno realizzate infrastrutture informatiche e telematiche finalizzate al cablaggio, al risparmio energetico e al riuso delle risorse per potenziare i servizi al cittadino, alle imprese e ai turisti.
"In una fase come quella attuale - ha detto il presidente Polli (nella foto) – di permanenza della crisi e delle difficoltà di individuare vie d'uscita, la competitività e l'attrattività territoriale possono rappresentare una delle risorse fondamentali per uscire dalla crisi stessa e costruire attraverso l'innovazione importanti prospettive di sviluppo. Il protocollo firmato oggi rappresenta quindi concretamente questa prospettiva attraverso la possibilità di realizzare molti servizi al cittadino, alle imprese e ai turisti in un luogo specifico risparmiando risorse sui costi energetici. Il successo di questa sperimentazione potrà consentire di estendere l'esperienza all'intero territorio regionale che, con il completamento della banda larga in fase di realizzazione, sarà in grado di rispondere a questa fondamentale esigenza, tale da rendere il territorio stesso ben servito e competitivo. Quella di oggi è quindi un'occasione importante per guardare al futuro in modo moderno e attrezzato.
Accogliamo con grande disponibilità questa esperienza – ha detto il sindaco di San Gemini – perché siamo convinti che la sostenibilità debba essere alla base delle nostre politiche. Utilizzare il risparmio energetico per investimenti sui servizi è un punto fondamentale per costruire il futuro.
Telecom punto molto su piattaforme e servizi innovativi – ha spiegato il responsabile del public sector Cinquini – e in Umbria ha già investito 23 milioni di euro. Utilizzare le infrastrutture esistenti per quantificare il risparmio, come si farà a San Gemini, vale anche a dimostrare come si possano reinvestire risorse in servizi a cittadini, imprese e turisti.
Quello che verrà avviato a San Gemini – ha detto Battistoni di Aspasiel – è un progetto sostenibile che si autofinanzia e che mette a disposizione di cittadini dati e informazioni di ogni genere e facilmente accessibili."
Anche Giovanakis ha salutato il progetto in maniera positiva garantendo l'appoggio di Tk.
"Seguiamo e sosteniamo con grande interesse la sperimentazione di San Gemini – ha infine affermato l'assessore Bracco – soprattutto per le ricadute che potrà avere in un futuro prossimo su tutta la regione."

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia