Il Comune si riprende alcuni servizi Asl

Sociale, il Comune si riprende una parte dei servizi sociali ora in delega alla Asl. É questa una delle novità del bilancio 2011 - approvato ieri in via definitiva dalla Giunta - sul fronte dei servizi sociali dove Palazzo Spada, nonostante i tagli del Governo che hanno dimezzato i trasferimenti da 1 milione a 500mila euro, riuscirà a confermare praticamente i fondi dello scorso anno. Anche grazie agli sforzi della Regione che malgrado le difficoltà garantirà a Terni gli stessi 800mila euro del 2010.
Quella dei servizi alla persona in delega alla Asl - insieme alle politiche per i minori - rappresenta la fetta più sostanziosa del bilancio sociale del Comune a cui nel 2011 è destinata una spesa intorno ai 3 milioni 200mila euro di cui 2 milioni e mezzo (la stessa cifra del 2010) di fondi comunali. Nell'ambito della rimodulazione della convenzione con l'Asl, il Comune gestirà direttamente la parte che riguarda le rette delle residenze protette per gli anziani non autosufficienti - dove sono stati impegnati 800mila euro - e quella dei contributi economici in sostituzione dell'assistenza domiciliare, altri 300mila euro. Nel primo caso, come noto, le rette vengono pagate per metà dall'Asl e per metà dall'utente a cui poi va in soccorso, in compartecipazione, il Comune. Prima era l'Asl a gestire tutta la partita e a presentare poi il "conto" a palazzo Spada, ora l'amministrazione terrà direttamente sotto controllo la spesa con l'obiettivo di abbassarla e recuperare quei 400mila euro che complessivamente mancheranno nel 2011 alla voce "servizi alla persona" sui quali lo scorso anno erano stati impegnati infatti 3 milioni 600mila euro.
"Non si tratta di tagli spiega l'assessore ai Servizi sociali, Stefano Bucari - ma di spese superflue che contiamo di poter risparmiare per dare priorità alle esigenze reali."
Una "riqualificazione" della spesa a cui palazzo Spada sta lavorando nell'ambito del progetto del Piano regolatore del welfare (di cui una prima bozza sarà presentata il 28 marzo) e attraverso la collaborazione con l'Asl con cui si andrà a una rivisitazione personalizzata di ogni singolo progetto di assistenza oltre che a rivedere anche le soglie Isee per l'accesso a servizi e contributi.
Confermato, rispetto al 2010, anche il milione e 300mila euro, di cui 720mila da parte del Comune, destinato alle politiche per i minori che servono sostanzialmente per le rette dei 53 bambini ospiti nelle comunità educative e attualmente e carico di palazzo Spada, per gli interventi in affido, e per le spese e la gestione delle comunità pubblico-private "Il Melograno" e il "Cortile".
Sul fronte anziani ci sono in bilancio 140mila euro per le residenze comunitarie per gli autosufficienti, stanziamento che resta invariato come quello per una serie di micro interventi che vanno da quelli per il mutuo aiuto anziani (40mila euro), la mensa della Caritas (35mila euro), immigrazione (20mila euro), borse lavoro (30mila euro) e voucher per l'acquisto di beni alimentari per famiglie con minori (100mila euro). Quest'ultimo, come lo scorso anno, resta l'unica forma di contributo economico che il Comune potrà garantire. A forte rischio ci sono invece gli aiuti per gli affitti considerando l'azzeramento del fondo a livello nazionale. Al momento alla voce "contributi affitti" il Comune ha confermato la quota di cofinanziamento di 100milaeuro che però negli anni scorsi veniva implementata da altri 600-700mila euro di fondi nazionali e regionali a cascata. Sul capitolo "emergenza abitativa" sono stati invece impegnati 50mila euro che potrebbero risultare sufficienti considerato che con l'ultimo bando per gli alloggi popolari parte del problema è stato risolto.
"Gli alloggi sono stati assegnati - dice Bucari - entro un paio di mesi saranno consegnati."
Sono 50 quelli che andranno in consegna, altri 20 dovrebbero essere a disposizione nel corso dell'anno.

Vincenzo Carducci
Il Giornale dell'Umbria Giovedì 17 Marzo 2011

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia