É il consigliere comunale dell'Udc, Enrico Melasecche, che critica pesantemente la scelta di far posizionare gli impianti
"in due aree agricole pregiatissime, in località Le Sore, nella pianura di Maratta, accanto all'aviosuperficie, e a Collestacio, alle pendici di Colleluna."
Un polemica che si caratterizza per due aspetti fondamentali, da una parte i danni all'ambiente e dall'altra quelli al paesaggio. Nella polemica un giudizio estremamente negativo, rivolto all'assessore all'urbanistica, Marco Malatesta.
"In commissione urbanistica l'assessore è venuto a raccontare che i consiglieri debbono di fatto approvare quanto già la giunta ha deliberato perché lo impone loro la legge. Ma non è tutto perchè ha detto che il Comune è stato obbligato a sottostare alla volontà della legge nazionale e della Provincia che, avendo organizzato apposite conferenze di servizi aveva in mano la gestione del tutto."
Alle dichiarazioni seguono le domande.
"Come mai il Comune di Sangemini ha stilato un apposito regolamento? Come mai la giunta ha dato incarico ai tecnici, inviati in conferenza di servizi istituita presso la Provincia, di dare ripetutamente l'assenso per conto del Comune a tali evidenti violazioni delle previsioni di Prg? Perché non è stato richiesto il parere dell'Atc e soprattutto quello delle associazioni paracadutisti?."
Immediata la risposta dell'assessore.
"Per quanto riguarda questi tipi di campi fotovoltaici la podestà è della Provincia, al Comune, essendo previsto un piano attuativo in quelle zone, spetta il compito di dettare le modalità non le autorizzazioni. Per quanto riguarda la vicinanza con l'aviosuperficie, non è stato chiesto ad Atc perchè gestore, l'autorizzazione è stata chiesta e ottenuta dall'Enac. Su queste materie cori delicate che tengono insieme produzione di energia elettrica e rispetto dell'ambiente non se ne può parlare in maniera demagogica. Questi argomenti vanno affrontati con cognizione di causa e non si presta alla speculazione politica anche se qualcuno vuole farla. La prima commissione, per finire, da tempo sta lavorando su un regolamento, rimesso continuamente in discussione a causa delle costanti modifiche della legge nazionale."
Corriere dell'Umbria Lunedì 20 Giugno 2011

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia