Corso Vecchio, via del Tribunale e via dell'Ospedale: tre arterie importanti del centro, a due passi da corso Tacito e da Piazza Europa, insomma il cuore della città. Un "salotto buono" che, logica vorrebbe, dovrebbe essere tirato a lucido. Invece no, tutt'altro. Corso Vecchio e le sue due traverse, che lo collegano con Corso Tacito e il Centrai Parking, sono l'emblema lampante di uno scenario critico per quanto riguarda la pulizia.
"La situazione è disastrosa - si lamenta una commerciante della zona -, la città è sporchissima e, tanto per cominciare, non ci sono secchi dove gettare la spazzatura. Davanti al nostro negozio siamo costretti a pulire noi, sia la mattina che la sera."
Pochi metri più in là, un'altra commerciante è dello stesso avviso:
"La città è tutta sporca, non solo questa zona. É lasciata nell'incuria. Non voglio giustificare nessuno, perché le responsabilità sono anche di noi cittadini, ma se ci fossero più cestini, cassonetti e controlli forse la situazione sarebbe più sostenibile. Corso Vecchio? Dopo le 21 diventa una latrina per gli animali."
Già, i cani. Proprio contro di loro molti puntano il dito. O per meglio dire contro quei padroni maleducati che non si attrezzano adeguandosi alle leggi e al buon senso.
"Il problema principale sono i proprietari non educati dei cani - attacca una terza commerciante -. Davanti alle porte dei nostri negozi troviamo di tutto. La via è piccola, dà ancora più l'impressione di essere sporca se non la curia"
Mancano pulizie, cestini, cassonetti, multe e soprattutto senso civico"mo a dovere".
"La situazione è catastrofica - racconta un quarto negoziante -, in via dell'Ospedale la situazione è assurda. La colpa è in primis dei proprietari, ma i vigili dovrebbero controllare e fare le multe."
La situazione rischia di generare tensione tra gli stessi vicini.
"Qui ho litigato praticamente con tutti - racconta un altro proprietario di un'attività commerciale perché riprendo i proprietari degli animali che abitano qui intorno e, come commerciante, ci rimetto pure. Siamo un popolo di maleducati, e per questo servirebbe una pattuglia, magari pagata da noi, che stia sempre qui a controllare.
Da due anni la situazione è peggiorata, con la chiusura del teatro non pulisce più nessuno. Ora speriamo che con la prossima riapertura - tuona un'altra commerciante di Corso Vecchio - qualcosa possa migliorare. Non parliamo poi delle traverse, c'è di tutto. Io evito proprio di passarci.
La questione è stata segnalata più volte al Comune ma ancora non si vedono miglioramenti spiega la settima commerciante della nostra inchiesta -. Non c'è senso civico, mancano controlli e cestini.
Basta che chi di dovere venga alle 9 ad aprire i negozi e vedrebbe cosa è Terni - attacca un commerciante-. Corso Vecchio è indecoroso e la situazione peggiora di continuo, è una battaglia persa.
Non credo che ci sia città più sporca racconta rassegnata un'altra commerciante -, il Comune ha le sue responsabilità ma se i cittadini non fanno la loro parte questo è il risultato. Servono il controllo e la pulizia del Comune, ma anche l'educazione delle persone."
La Nazione Sabato 2 Luglio 2011

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia