La Raccolta differenziata a Terni comincia a funzionare sul serio, parola di assessore. Luigi Bencivenga, assessore all'Ambiente di Palazzo Spada sciorina dati e cifre che gli fanno gonfiare il petto d'orgoglio. Con il sistema di raccolta "porta a porta" in pochi mesi la città dell'acciaio ha fatto un bel balzo in avanti, passando dal 31% di fine febbraio al 62,5% del dato aggiornato al 12 novembre. Questo, però, per quanto riguarda il centro storico di Terni. La differenziata "porta a porta", infatti, per adesso la si pratica solo nei centri storici di Terni, Collestatte-Torreorsina e Collescipoli per un totale di circa 10milautenze. A Collescipoli la percentuale di differenziata, invece, si attesta per il momento attorno al 53,3% e a Collestatte-Torreorsina al 47,8%. La media dei tre centri storici è pari circa al 59%, ma per Bencivenga è comunque motivo di soddisfazione e occasione per lanciare la palla ancora più avanti.
"Stiamo ottenendo risultati molto importanti - dice l'assessore - soprattutto stiamo centrando gli obiettivi che ci eravamo fissati e che ci vengono imposti dai diversi piani di smaltimento rifiuti sovra comunali. Se in pochi mesi siamo riusciti a raddoppiare le percentuali di raccolta credo che nelle prossime settimane potremo toglierci altre belle soddisfazioni."

L'assessorato all'Ambiente, infatti, ha dato input all'Asm di preparare tutto ciò che serve alla cosiddetta "fase 2", ovvero all'estensione della raccolta differenziata anche nelle parti di città più densamente popolate. "Entro giugno il sistema entrerà a regime in tutte le zone della città"

E i primi quartieri ad essere interessati dal "porta a porta" saranno Cospea-Polymer-Città Giardino: altre 22mila utenze passeranno al nuovo regime di raccolta probabilmente tra la fine di gennaio e gli inizi di febbraio. Dopodiché si procedere con gli altri quartieri della città. Per ultimo toccherà alla circoscrizione Nord.

"Entro giugno salvo possibili slittamenti - aggiunge Bencivenga - il Comune di Terni sarà a regime con la differenziata `porta a porta’. É un pallino che ho sempre fisso in testa perché la ritengo una scelta strategica di primaria importanza per la città. I nostri concittadini si stanno dimostrando molto sensibili e disponibili a collaborare con il Comune nel rispetto dell'ambiente. Ne è prova il fatto che da quando è scattata l'ordinanza che prevede anche sanzioni, sono state elevate soltanto 2 contravvenzioni"
La Nazione Lunedì 28 Novembre 2011

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia