La Presidente della Regione, Catiuscia Marini, ha ricevuto i rappresentanti del Comitato a difesa della sanità ternana, che le hanno consegnato la petizione corredata dalle 8mila firme raccolte. Così come aveva fatto il sindaco Leopoldo Di Girolamo, quindi, anche la governatrice umbra ha preso atto del riscontro, al di là di ogni aspettativa, avuto a Terni dalla petizione che era stata promossa nei mesi scorsi da Federconsumatori e Confesercenti e a cui avevano poi aderito diverse associazioni e partiti politici degli opposti schieramenti. Proprio al sindaco Di Girolamo e alla presidente Marini era rivolta del resto la petizione.
"Ringraziamo la presidente per averci ricevuto -commenta Umberto Ricci, responsabile di Federcosumatori - e per l'attenzione dimostrata verso la nostra iniziativa, Le 8mila firme raccolte, peraltro, la dicono lunga su quanto il tema sia sentito tra la popolazione ternana. La presidente ci ha assicurato che l'espressione di questi 8mila ternani verrà tenuta nella massima considerazione. Per il resto la questione sembra ancora in alto mare. La collocazione della sede Asl è stata demandata alla conferenza dei sindaci, mentre l'orientamento della Regione e per due Aziende ospedaliere. Al riguardo la presidente ha escluso la possibilità che a Terni sia realizzato un nuovo ospedale, assicurando però lo stanziamento delle risorse per l'ammodernamento dell'attuale nosocomio."
"Le decisioni che saranno prese -si legge nella petizione - incideranno fortemente sul futuro delle nostre comunità e quindi non possiamo, né dobbiamo permettere che siano assunte dai soliti poteri, più o meno istituzionalizzati, in perfetta solitudine. Vogliamo essere protagonisti di tali scelte e non semplici spettatori. Fondane della sede Asl è stata demandata alla conferenza dei sindaci, mentre l'orientamento della Regione e per due Aziende ospedaliere. Al riguardo la presidente ha escluso la possibilità che a Terni sia realizzato un nuovo ospedale, assicurando però lo stanziamento delle risorse per l'ammodernamento dell'attuale nosocomio."

"Le decisioni che saranno prese -si legge nella petizione - incideranno fortemente sul futuro delle nostre comunità e quindi non possiamo, né dobbiamo permettere che siano assunte dai soliti poteri, più o meno istituzionalizzati, in perfetta solitudine. Vogliamo essere protagonisti di tali scelte e non semplici spettatori. "[…]

La Nazione

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia