La Rupe di Cesi torna a fare paura. E il Comune prende provvedimenti. La Giunta di Palazzo Spada ha approvato, infatti, il progetto esecutivo dei lavori di somma urgenza necessari dopo l'ennesimo distacco di massi che si era verificato in località Sant'Onofrio. Andiamo per ordine, l'ultima frana era avvenuta a metà giugno: il masso aveva addirittura invaso il piazzale antistante la chiesa. Le verifiche effettuate, spiegano dal Comune, offrono
"un quadro molto preoccupante dei fattori di sicurezza per blocchi di varie volumetrie, presenti sulle pendici di Cesi, e dimostra come la particolare situazione geologico-strutturale, che ha imposto e impone al complesso delle Penne Cesane un intenso stato di sforzo, sia la causa principale dell'attuale criticità della situazione geostatica del pendio."
Così il Sindaco Leopoldo Di Girolamo aveva emesso un'ordinanza urgente con la quale disponeva
"di porre in essere una costante sorveglianza sull'evoluzione del fenomeno anche mediante l'esecuzione di ulteriori rilievi geologico-strutturali del versante a monte dell'abitato di Cesi nella zona dove si sono evidenziati i nuovi distacchi e attuando l'analisi cinematica dei massi in distacco da tale porzione di rupe per valutare se sussistono rischi di superamento delle opere di contenimento passive presenti, anche al fine di individuare i primi interventi che dovranno essere attivati."
Con lo Stesso atto il sindaco Di Girolamo ha vietato l'accesso alla viabilità di servizio al Piazzale della Chiesa di Sant'Onofrio, alla montagna di Cesi nel tratto ricadente nell'area della frana, compresa la rete sentieristica ed escursionistica. É stato disposta, inoltre un'intensificazione dei divieti e dei controlli sull'evoluzione della situazione. In seguito all'ordinanza sono stati effettuate ulteriore verifiche e sono stati presi in esame tutti i dati disponibili. Al termine dell'analisi è risultato che la soluzione migliore sia il posizionamento di barriere elastiche ad alto assorbimento.

"In conseguenza dello studio geologico , geomorfologico e geotecnico è stata possibile la redazione di un progetto esecutivo - si legge nella delibera - che...consente l'esecuzione corretta dei lavori di somma urgenza nel rispetto delle disposizioni contenuta nell'ordinanza sindacale."

La Nazione

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia