Via Libera del Consiglio di Stato al parco eolico di Colle Ventatoio, nel territorio comunale di Stroncone. Il pronunciamento del secondo grado della giustizia amministrativa, che ha confermato la sentenza del Tar rigettando l'appello del Ministero per i beni e le attività culturali, è reso noto da TerniEnergia Spa, a cui viene confermata la titolarità degli atti autorizzativi alla realizzazione dell'impianto. La società ternana presieduta da Stefano Neri, attiva nel settore dell'energia da fonti rinnovabili, l'aveva spuntata anche in primo grado, con il Tar che nel maggio 2011, in accoglimento del ricorso proposto proprio da TerniEnergia, aveva annullato gli atti di autotutela con cui erano stati annullati i precedenti pareri favorevoli alla realizzazione dell'impianto eolico. In particolare il Consiglio di Stato ha adesso confermato integralmente la sentenza del Tar riguardo all'annullamento degli atti della Soprintendenza,
"reiterando la censura -spiega TerniEnergia, assistita dallo studio legale Ranalli Associati - all'illegittimo utilizzo del potere di autotutela da parte della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria, la mancata comunicazione a TerniEnergia di avvio del procedimento, l'illegittimità del decreto di annullamento dell'autorizzazione paesaggistica per le opere di variante che hanno riguardato essenzialmente l'esigenza di riprogettare le opere accessorie (tracciato della linea aerea in alta tensione, la linea di interconnessione in media tensione e la sottostazione elettrica), con una portata riduttiva sotto il profilo dell'incidenza paesaggistica e non incidendo sull'impianto eolico composto da sei aerogeneratori per una potenza complessiva installata di dodici Mw."
"La sentenza - continua la società - ha evidenziato come l'atto di annullamento sia arrivato a molti mesi di distanza dal rilascio delle autorizzazioni, quando si era già formato un legittimo affidamento alla finalizzazione dell'intervento in capo a TerniEnergia, peraltro implicante non marginali impegni finanziari anche soltanto per la elaborazione del progetto e della documentazione strumentale al procedimento autorizzatorio. Inoltre, viene riconosciuto come la distanza del progettato impianto eolico dagli immobili di valore monumentale ( in particolare, lo Speco di San Francesco) risulti tale da non generare interferenze visive pregiudizievoli."
La Nazione Sabato 22 Settembre 2012

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia