Terni è pro Bersani

Pierluigi Bersani vince a Terni città e complessivamente in provincia e fino a tarda serata in tutti i seggi scrutinati, però mancavano alcune importanti sezioni del centro di Terni, stava intorno al cinquanta per cento. Molto soddisfatto il segretario dell'unione comunale di Terni del Pd Andrea Delli Guanti, bersaniano:
"Terni città, col suo 55 per cento, si conferma la città dell'Umbria dove Bersani è andato meglio."
La città più rossa dell'Umbria. Brutte notizie arrivano infatti dal Perugino. Matteo Renzi, a livello provinciale, si attesta intorno al 36 per cento. Ma se si leva il dato della città quasi pareggia con Bersani. Il sindaco di Firenze vince a San Gemini, Montecastrilli, Otricoli, Arrone, Polino, Montefranco e Ferentillo e in molti comuni dell'Orvietano. Un risultato importante dice il coordinatore dei comitati per Renzi Valdimiro Orsini hanno votato per noi i giovani, il voto d'opinione, la voglia di cambiamento, non ci ha votato to l'apparato".
Infatti tutti i dirigenti di partito, i parlamentari, quasi tutti gli assessori e i sindaci (esclusi Fabro e Polino) erano per Bersani. Nichi Vendola rientra nella media nazionale. "Nelle regioni e nelle città rosse dove il Pd è al potere combattevamo contro giganti, comunque il risultato è buono" dice Federica Porfidi di Sel.
Risultato di testimonianza quello di Laura Puppato e di Bruno Tabacci. Nel seggio di Arrone non hanno potuto votare l'ex sindaco comunista Enrico Cesani e Loredana Cerasa, perchè oggi consiglieri di opposizione rispetto alla giunta di centrosinistra guidata dal Pd Loreto Fioretti. Entrambi, però, erano in uno dei due comitati pro Renzi. A spoglio quasi ultimato, 71 seggi scrutinati su 84, Bersani era al 50,92%; Renzi al 38,71; Vendola al 12.72; Puppato all'1,45 e Tabacci allo 0,47%.
Corriere dell'Umbria Lunedì 26 Novembre 2012

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia