Mancano due settimane ai festeggiamenti di San Valentino, ma il clima di protesta e malcontento rispetto all'organizzazione di eventi e promozione e rispetto alla cura dell'area della basilica non tardano a farsi sentire. è così che, a ridosso della presentazione ufficiale da parte del Comune di Temi delle manifestazioni valentiniane, Italia Nostra e CasaPound Italia esprimono il loro dissenso. Preme sulla mancata valorizzazione culturale dell'area il comunicato di Italia Nostra, mentre è incentrato su degrado e incuria quello di CasaPound. A parlare a nome della prima associazione è Andrea Liberati, che punta il dito contro "il grigiore e l'apatia" dell'amministrazione comunale di Temi rispetto agli ultimi ritrovamenti archeologici nell'area della basilica di San Valentino.
"Su San Valentino - afferma Liberati - un progetto di valorizzazione più solido era ripartito con il rinvenimento di tempietti ipogei, una stanza con archi e cunicoli sotto l'ex convento. Era novembre 2011 e secondo quanto riscontrato dalla Soprintendenza archeologica dell'Umbria sarebbe di età protocristiana, mentre i cunicoli attigui sarebbero pre-romani."
Al ritrovamento aveva fatto seguito, nel 2012, il benestare del sindaco Di Girolamo sulla progettazione e creazione proprio nell'ex convento di San Valentino di un museo archeologico a valenza nazionale. Progetto che oggi, come evidenzia Liberati,
"muore sul nascere a causa delle recenti decisioni di spostamento della facoltà di Economia da Collescipoli ai locali dell'ex convento. E muoiono così -conclude- il piccolo centro di Collescipoli e la facoltà di Scienze politiche"
Altra protesta mossa contro l'amministrazione, dove sono il degrado e l'incuria a fare da protagonisti, è quella di CasaPound, che attraverso Piergiorgio Bonomi, responsabile temano, segnala basamenti di marmo divelti all'ingresso della chiesa, pali di delimitazione rimossi o piegati, muri cadenti, erba alta, siringhe gettate a terra, segnali stradali danneggiati. Un anno fa CasaPound aveva effettuato a proprie spese un'azione di bonifica con la quale vennero riqualificati alcuni scorci della vie adiacenti la basilica di San Valentino, protestando per il degrado in una delle aree simbolo di Temi.
"A distanza di un anno -afferma oggi Bonomi- rimaniamo basiti davanti a un'amministrazione cieca: nulla è cambiato, anzi, la situazione si è aggravata."
Forti, dunque, le contrarietà e le contraddizioni riguardanti un'area che, per prestigio e per popolarità, tanto potrebbe dare alla città ma che da sempre è nell'occhio del ciclone per una politica di valorizzazione e promozione che viaggia in condizioni sempre più critiche.
Corriere dell'Umbria Giovedì 31 Gennaio 2013

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia