Vette in Vista 2013

Torna l'appuntamento con Vette in Vista "rassegna di cinema di montagna e di esplorazione"che si svolgerà a Terni nei locali del centro museale Caos di via Campofregoso dal 24 al 27 gennaio prossimi.

É la quinta edizione di questa manifestazione organizzata dall'associazione "Stefano Zavka", in collaborazione con il Cai e il Comune di Terni. Tre giorni di proiezioni cinematografiche, ma anche di dibattiti sulle tematiche ambientali.
Quest' armo, infatti, c'è il coinvolgimento dell'Arpa regionale che curerà la tavola rotonda dal titolo "Ghiaccio bollente".
A presentare la kermesse durante una conferenza stampa che si è tenuta a palazzo Spada c'erano Rita Mirimao Zavka dell'associazione "Stefano Zavka", il presidente del Cai di Temi Claudio Costantini, l'assessore comunale alla cultura Simone Guerra, oltre al direttore del dipartimento provinciale dell'Arpa di Terni, il dottor Adriano Rossi.
E proprio l'ente ambientale inizierà la quinta edizione di Vette in Vista, con il dibattito "Ghiaccio bollente" che comincerà alle ore 18: si vuole mettere l'accento, attraverso un confronto sul ruolo degli ecosistemi montani.
La presentazione II direttore dell'Arpa Adriano Rossi e Rita Zavka hanno presentato ieri a Palazzo Spada l'edizione 2013 di Vette in vista post Kyoto, facendo riferimento alle strategie di mitigazione ambientale. Ci saranno gli interventi di alcuni professori dell'Università della Tuscia, ossia Riccardo Valentini e Paolo De Angelis, ma non mancheranno esperti nazionali di queste tematiche.

Particolarmente importante in questa edizione sarà il coinvolgimento delle scuole ternane, alle quali saranno riservate venerdì e sabato, delle lezioni di trekking urbano sul fiume Nera, con guida ambientale. E poi tanta avventura, alpinismo, ed esplorazioni glacio speleologiche. Il gran finale di domenica sarà riservato alla premiazione del concorso di opere e video di montagna, con il contorno fornito dall'antropologo Duccio Canestri che presenterà il suo spettacolo "La montagna del Dio Cannibale"una lettura originale e ironica dell'alpinismo.

La componente musicale sarà affidata al coro "Terra Majura" e alla cantautrice Maura Susanna, raffinata voce dell'animo popolare valdostano. Vette in Vista, quindi, promette serate culturali a ingresso gratuito per tutti gli appassionati della montagna, che vogliono avere nuovi spunti di riflessione. E per questo motivo la kermesse, attrae alpinisti e curiosi da tutta Italia, proprio per la sua capacità di far rivivere le emozioni che solo la montagna può dare.

Giacomo Papini come Francesco Rota Nodari del servizio glaciologico lombardo, che fornirà un prezioso contributo andando ad enunciare i suoi studi sull' adattamento degli alpinisti alle montagne che cambiano.

Corriere dell'Umbria Martedì 22 Gennaio 2013

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia