“Ancora una volta i cittadini di Cardeto non vengono coinvolti nei processi di sviluppo, abbellimento e riqualificazione della zona”, così il Comitato di quartiere. I residenti puntano l'indice sul mancato invito, un mese fa, all'inaugurazione della “meridiana” dell'Itis, ma la goccia che fa traboccare il vaso già colmo è la ristrutturazione dei giardini. “Apprendiamo -continua il Comitato- che finalmente parte la riqualificazione del parco Galigani (ex Cardeto). Ci sembra l'ennesima mancanza di considerazione per gli abitanti e per chi li rappresenta. La riqualificazione costringerà la ditta che svolgerà i lavori a chiudere completamente il parco, senza alcun accesso per gli abitanti o per coloro che vorranno utilizzare l'area nei prossimi mesi estivi. Eppure ci era stato promesso nei rari contatti con l'assessore ai lavori pubblici che l'intervento sarebbe stato a stralci, proprio per non chiudere il parco. Le promesse siano mantenute”

La Nazione Lunedì 25 Marzo 2013

[] Entro il mese di giugno verrà presentata la società che si è a suo tempo aggiudicata la concessione per la gestione e la valorizzazione del parco di Cardeto, anche attraverso la progettazione e la realizzazione di nuovi interventi. Un investimento complessivo di oltre due milioni di euro che vanno ad aggiungersi alla ristrutturazione dei due edifici presenti all'interno del parco, già sostenuta dal comune per 650 mila euro. Per la durata di venticinque anni il gestore si occuperà di tutta l'area verde, degli impianti sportivi presenti e dei servizi ricreativi che verranno realizzati. “L'obiettivo dell'affidamento - ha tenuto a precisare l'assessore comunale ai lavori pub tato il progetto complessivo di riqualificazione. I lavori più urgenti partiranno già dalla prossima settimana. Nel giro di un anno Terni avrà a disposizione il parco riqualificato”.

Sempre nella giornata di ieri l'assessorato ai lavori pubblici ha disposto la chiusura dell'accesso al pubblico del parco per consentire i lavori di potatura e di messa in sicurezza della piantumazione presente, per utilizzare il periodo stagionale più appropriato. La chiusura durerà per circa un anno, proprio per consentire in sicurezza anche la realizzazione dei lavori previsti nell'ambito della concessione. L'unico accesso che sarà consentito, in una fase successiva alla potatura di questi giorni, riguarderà naturalmente il centro ricreativo destinato alla terza età.

Corriere dell'Umbria Sabato 23 Marzo 2013

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia