La crisi nel settore del lavoro è dura e la Provincia di Terni tenta di arginarla mettendo in campo nuove risorse per la formazione permanente, per l'occupazione e per la riqualificazione del personale dipendente.
Le tendenze dell'ultimo biennio, come illustrato dal presidente Feliciano Polli, sono in netto peggioramento e la situazione lavoro mostra un forte aumento della disoccupazione, della precarizzazione, e della cassa integrazione in deroga, con livelli pari al più 98 %. In tutto ciò, molti lavoratori over 40 perdono il proprio impiego e si iscrivono ai centri provinciali per trovarne uno nuovo.

In una simile situazione di difficoltà arrivano 5 milioni di euro che verranno investiti dalla Provincia con un piano suddiviso in diversi interventi. I primi 650.000 euro saranno impiegati per il progetto "work experience": formazione in azienda, sei mesi di lavoro a 800 euro al mese e successivo obbligo di assunzione da parte dell'azienda. Il bando, attivato già nel 2011 e nel 2012, ha riscosso successo e dato luogo a un esito occupazionale di circa il 61 % dei partecipanti. In secondo luogo, quasi un milione e 300.000 euro verranno investiti per la formazione permanente: la riqualificazione, cioè, dei lavoratori per aggiornarne le competenze e per favorirne la riassunzione.

Un milione e 200.000 euro andranno per circa 200 bonus formativi con 3 mesi di stage in azienda, per offrire al lavoratore competenze professionalizzanti e consentirgli di ottenere, nel migliore dei casi, l'inserimento lavorativo. Sono poi previsti 646.000 euro per interventi a favore di soggetti svantaggiati, ad esempio disoccupati over 50 o persone adulte con soggetti a carico; nell'intervento sono incluse anche borse di osservazione per disabili. Proseguiranno, per un importo di 52.000 euro, i tirocini formativi destinati a 8 laureati in materie giuridico-economiche presso il tribunale di Terni; e saranno impiegati un milione e 200.000 euro per i corsi erogati presso i Centri di formazione professionale (acconciatori, programmatori macchine utensili, addetto alle vendite e operatore meccatronico). Infine, resta un'ulteriore fetta di finanziamento, un milione e 200.000 euro, che verrà destinata perla cassa integrazione, anche se occorrerà attendere che dalla Regione arrivino gli indirizzi operativi. Le risorse, come spiegato dall'assessore provinciale al Lavoro, Fabio Paparelli, saranno messe in campo attraverso diversi bandi e risulteranno tutte operative entro la fine di settembre.

"Si tratta dell'ultima tranche di finanziamenti del Fondo sociale europeo per la programmazione 2007-2013 - ha specificato il presidente Polli - da impiegare per la riqualificazione. Dalla prossima programmazione (2014-2020) si penserà all'emergenza della disoccupazione giovanile, ma appare già da oggi necessario elaborare un piano che tenga conto dei lavoratori licenziati per evitarne l'esclusione."
Corriere dell'Umbria Mercoledì 15 Maggio 2013

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia