In viaggio nel territorio di Montecastrilli tra borghi e casolari sparsi dove la buona vecchia cucina e di casa in attività ristoratine, feste e sagre

Montecastrilli è un'altra Umbria, con paesaggi e atmosfere mediterranee e una, cultura legata al mondo agrario ancora radicata e solida, che per il visitatore in cerca di itinerari legati all'ambiente, al paesaggio, alla, tradizione è una vera gioia.
Monumenti, palazzi, edifici di culto, opere d'arte, non mancano di certo. Ma è specie in estate che, a chi percorre il territorio in auto, a piedi, in bicicletta, il paesaggio, le luci, le ombre permettono un'immersione in un mondo senza tempo, antico, quasi intatto.

Sagre e feste in numero incredibile, dedicate di volta in volta all'anatra, alle pappardelle, alle ciriole all'ortica, agli gnocchi, alle cresciole, al cinghiale, alle lumache, per poi proporre nel menù anche altri piatti della tradizione. Qui si trovano ingredienti e piatti della vecchia cucire contadina, spesso ormai introvabili altrove, preparati con grande abilità, come solo un'esperienza mai interrotta permette. Un territorio con due avvenimenti che sono punta d'eccellenza, Agricollina, mostra mercato delle macchine agricole collinari e degli animali da cortile piante e fiori e la Festa del trattore in primavera - una manifestazione che vira verso la 60esinra edizione - e a fine estate ora anche Umbria Bio Expo, dedicata, ai prodotti biologici.

Girando si trovano tracce di storia d'ogni epoca, ospitalità, attenzioni e buona cucina. Ad accogliere il visitatore di palato fino, con proposte per tutte le esigenze di gusto e anche di "tasca" attività ristoratine ma anche sagre e feste nei borghi del dedicata la mostra permanente di arnesi e strumenti della civiltà contadina.
Dal 1988 la raccolta ha stabile sede nella scuola media di Castel dell'Aquila. Negli ambienti, suddivisi nei tipici spazi di una casa colonica mezzadrile, trovano collocazione circa 3.500 utensili e arredi della cultura contadina. Ma il territorio di Montecastrilli è attrezzato anche per essere goduto in bicicletta ed è compreso nel percorso La Terra dell'Acqua e dei Ciclamini, che interessa, quattro Comuni è un comprensorio speciale per la pratica del ciclismo, sia quello su strada che mountain bike.

Montecastrilli, il capoluogo (da visitare la chiesa parrocchiale di San Nicolò, la chiesa di Santa Chiara e di San Lorenzo in Niflis).
Casteltodino, ancora chiuso nelle sue antiche mura, dove non si può mancare una visita alla chiesa di San Bartolomeo, assai interessante, che custodisce molti tesori.
Farnetta, nei cui dintorni si trova una qualità rara di querce, le splendide farnie Collesecco, da cui si gode una splendida vista. Castel dell'Aquila con la sua torre a base quadrata e i due torrioni rotondi.
Quadrelli, con la sua porta urbica, affiancata da una torre del XII secolo, la chiesa di Santa Maria Assunta, costruita introno al XII secolo in stile romanico.

Piccoli mondi a se stanti, che raccontano storie diverse, anche attraverso le feste paesane e i piatti proposti. e dove si vive ancora a misura d'uomo.

Corriere dell'Umbria Venerdì 28 Giugno 2013

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia