"Gratuito e sicuro". É il profilo del nuovo parcheggio dell'azienda ospedaliera Santa Maria, inaugurato ieri. Quello che, fino a qualche settimana fa, era gestito totalmente dai parcheggiatori abusivi, responsabili di non pochi problemi per utenti. Negli anni polemiche continue, mai utili alla soluzione del problema. La parola fine, almeno sulla carta, è arrivata ieri. Il direttore generale Andrea Casciari, infatti, ha tentato di risolvere alla radice il problema., ristrutturando l'area e chiudendola con una sbarra di entrata e di uscita. I parcheggiatori? Tutti fuori. Il che significa più sicurezza e stallo gratuito. Venendo ai numeri dell'operazione, i posti auto sono 67 più 2 riservati alle persone diversamente abili. Il tutto con una spesa per l'azienda di 67000 euro. Il parcheggio, ha spiegato prima del taglio del nastro il direttore generale del Santa Maria Casciari
"è controllato da sbarre in modo che per tutti, fino ad esaurimento ci sia posto. In caso contrario, non sarà, nemmeno possibile accedere. L'intera area è stata delimitata da dissuasori e dispositivi tali da proteggere i pedoni dalla manovra degli autoveicoli."
Un passo importante, questo, che rappresenta
"una risposta concreta alle esigenze della cittadinanza non soltanto in termini di disponibilità di aree di sosta in prossimità dei poliambulatori e del presidio ospedaliero, ma anche in termini di sicurezza. Con l'installazione di questo nuovo sistema di controllo e vigilanza, l'attività, dei parcheggiatoci abusivi sarà fortemente scoraggiato e saremo in grado di offrire un servizio migliore e una maggiore sicurezza."
Massima soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco Leopoldo Di Girolamo, chiamato a partecipare al taglio del nastro.
"Si tratta di un ulteriore importante passo - ha detto verso il complesso degli interventi per la ristrutturazione dell'azienda ospedaliera."
A tal proposito, è la Pet, i locali che la ospiteranno, la priorità dell'azienda.
"Abbiamo ottenuto il via libera del Comune per l'inizio dei lavori. Tutto pronto per avviare il cantiere che, speriamo, chiuda entro il mese di settembre. Tutto, ora, è in mano all'associazione temporanea che deve provvedere alla realizzazione dei locali oltre che alla messa in opera della Pet."
Ma non è tutto. Come annunciato nei giorni scorsi, il direttore generale Casciani mette l'accento sul progetto consegnato in Regione per il progetto antincendio (totale dell'investimento 3 milioni 600.000 euro) che cambierà l'aspetto strutturale dell'azienda ospedaliera.
Corriere dell'Umbria Mercoledì 5 Giugno 2013

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia