Ma non può bastare e non possiamo assolutamente accontentarci

Occorre sicuramente fare di più e meglio.
Bisogna impegnarsi seriamente in una vera progettualità che porti ad organizzare un evento di rilevanza nazionale che leghi nell'immaginario collettivo il nome del santo più conosciuto al mondo alla nostra città.
Per questo va esercitata la fantasia e far crescere le idee.
Purtroppo anche negli eventi organizzati dai concerti alle mostre e alle varie iniziative ,agli organizzatori va comunque il mio ringraziamento per quanto fatto comprendendo i tanti sforzi e le difficoltà, manca un po’ di precisione e attenzione, elementi che possono stonare e rischiano di rovinare l'immagine generale di quanto fatto.
Per questo mi permetto umilmente di esprimere alcuni giudizi e consigli.
Ottima l'organizzazione della Maratona di San Valentino che con l'ennesimo successo (più di 2000 maratoneti) deve essere unanimemente riconosciuta come una importante manifestazione su cui puntare e investire.
Considero una buona idea aver pensato di integrare le luminarie natalizie con dei cuori rossi, a fronte della scarsità di nuove risorse economiche; non si capisce però perché in alcune vie (per esempio Via C.Battisti) questo non è stato fatto e sono state accese le stesse luminarie natalizie con tanto di stelle comete.
Per quanto riguarda Cioccolentino mi domando come possano ancora trovare ospitalità in una manifestazione dedicata al cioccolato caciotte di formaggio, arancini e olive ascolane e non si riesca invece a coinvolgere la pasticceria ternana con le sue storiche eccellenze; pensando magari ad una esposizione più originale dei classici gazebo, magari anche utilizzando le corti dei nostri palazzi storici.
Allo stesso tempo non si capisce perché gli stand di questa manifestazione chiudano inspiegabilmente alle ore 20, con un Corso Tacito ancora affollato di gente specialmente la sera di San Valentino, dove si sa si esce a cena fuori e si rimane in giro nel centro città fino a tardi.
Altra cosa a cui non si riesce a dare spiegazione logica è come mai lo spettacolo pirotecnico (che è tornato quest'anno dopo anni a cui vi si era rinunciato) debba svolgersi nell'orario scomodissimo delle ore 20.
Infine sul fronte della festa religiosa, mi ha fatto letteralmente rabbia vedere Mons.Vincenzo Paglia la mattina del 14 rifare la Festa della Promessa davanti al Papa e a 30mila coppie di fidanzati provenienti da tutto il mondo; su questo sia la Diocesi che l'Amministrazione Comunale avrebbero potuto fare di più.

Michele Rossi
Lista Civica Terni Città Futura
Lunedì 17 Febbraio 2014

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia