Orion Theatre festeggia i suoi primi 25 anni

La compagnia Orion Theatre festeggia i 25 anni di attività e lo fa portando in scena la commedia "Non si sa come" di Luigi Pirandello.
Gli spettacoli, patrocinati dai Comuni di Terni, Narni e dalla Fondazione Carit, si terranno venerdì sera al teatro comunale di Narni e il 21 marzo all'auditorium di palazzo Primavera, sempre con inizio alle 21 e 15.

"Non si sa come" era stata già portata in scena lo scorso ottobre al Seed, con l'ennesimo successo di pubblico e critica per la Orion Theatre.
La regia è curata da Marco Francescangeli e Francesco Locci: entrambi fanno parte anche del cast insieme a Foscolo Ceccarani, Patrizia Della Torre e Sarà Masci.
Le musiche originali sono curate da Simone Alicata mentre le scenografie sono state affidate a Igor Borozan.
A curare le luci è la Stas e gli abiti di scena sono di Madame Bovary Terni.
L'inizio dell'attività di Orion Theatre risale al 1989 con l'allestimento del musical "Cristo 2000". Con la regia di Rita Riboni, la compagnia si addentra nel teatro sperimentale con "Un sorso di Terra" (1996) e "Tutti i miei robots" di Asimov. Sotto la direzione di Marco Francescangeli arrivano l'innovativo “Fece Homo" (1997) e il più famoso dei classici, "Amieto" di Shakespeare. Il 2000 è l'anno di "Moonlight... le ombre dei ricordi" e "La porta della bellezza", preludio a uno degli spettacoli più imponenti: "Un angelo venne a Babilonia" di Durrenmatt, con la regia curata dallo stesso Francescangeli e da Renzo Segoloni.
La collaborazione con Gastone Moschin inizia nel 2002 e porta a trà tappe di grande successo: "Erano tutti miei figli", "Piccola città" (che entra nel cartellone del Teatro Stabile dell'Umbria) e "Ma non è una cosa seria". Seguono nel 2005 la Nozze d'argento con il teatro Importante traguardo per la compagnia Orion Theatre di Temi delicata "Sogni di notti senza tempo" e "Le rose di Atacama".
Nel 2008 va in scena la commedia "Pene d'amor perdute" mentre l'anno dopo è la volta del dramma "In morte di Cristo". Uno dietro l'altro arrivano "Una notte di maggio" (2010), "Un destino in balia delle onde" (2011), "Danton, la morte di un condannato", "La tempesta" di Shakespeare, fino all'ultima fatica del gruppo temano: quella che suggellerà il quarto di secolo di attività.

Corriere dell'Umbria Mercoledì 12 Marzo 2014

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia