Un patrimonio da salvare e tutelare in quanto potrebbe essere un valido sostegno a tutte quelle attività legate alla storia e all'ambiente oltre alla recettività. Rocche, castelli, torri e ruderi di antichi castellieri che si affacciano lungo il Nera, oggi più che mai necessitano di essere valorizzati e recuperati. Un patrimonio che va salvaguardato è quello distinto nelle rocche del XII secolo che sovrastano l'abitato di Ferentillo più esattamente quello di Precetto.
"Le mura della rocca di Sacrato - afferma il presidente dell'associazione culturale Alberico Cybo Malaspina di Ferentillo Carlo Favetti - stanno sgretolandosi giorno dopo giorno. Dopo molte rimostranze sia con missive che con appelli sulla stampa locale purtroppo ancora la situazione di stallo sta rendendo ancora più precaria la stabilità della struttura alto medievale.
Il bastione della rocca sul quale alcuni turisti hanno segnalato il problema è quello di sinistra che da sul centro abitato adiacente la chiesa di Santo Stefano. Il bastione quadrato termina con una volta la quale in parte è crollata. Siamo stati a visitare la rocca che sovrasta l'abitato di Precetto, - continua Favetti - abbiamo percorso in malo modo il sentiero il quale è impraticabile a causa di rovi e mondezza varia stipata in vari punti della rupe.
Le mura sono pericolanti e si temono crolli.
I merli guelfi che un tempo adornavano parti delle muraglie si stanno sbriciolando ed è veramente un peccato far perdere per sempre un tale monumento oltretutto concepito in un modo militare di grande livello.
Ci chiediamo - aggiunge - perchè questi beni non vengono tutelati e salvaguardati. Monumenti del genere potrebbero dare ricchezza al territorio magari, fruibili ai visitatori, inserendoli in un circuito di visita non indifferente insieme al sottostante museo delle mummie.
Poi altra anomalia che ho notato è quella dell'antica porta con arco a tutto sesto chiusa dai sassi. É veramente vergognoso lasciare una testimonianza in quel modo coperta di edera e rovi nel degrado e abbandono. "Per non parlare della sicurezza fisica di chi vi transita"
conclude Favetti.
Corriere dell'Umbria Lunedì 14 Aprile 2014

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia