Sarà inaugurato domani mattina alle ore 12,00 presso l'area Marmore - Campacci (itinerario di visita numero 5), alla presenza delle autorità cittadine, il nuovo percorso tematico relativo al sistema di siti di archeologia industriale.
Il completamento del progetto, che rappresenta di fatto una ulteriore integrazione del percorso tematico già esistente, ha reso possibile la realizzazione di un grande museo a cielo aperto sull'archeologia industriale creando un unico e suggestivo sistema di percorsi di visita. L'idea progettuale nasce dalla volontà del Comune di Temi di ampliare, arricchire, riqualificare e di valorizzare un'area caratterizzata da un alto valore ambientale e storico-culturale, al quale si aggiunge un valore inestimabile dal punto di vista del legame con la popolazione locale, della tradizione e dell'identità della comunità. Si tratta sostanzialmente di un importante quadro della storia di Temi e dei ternani che viene ricomposto e riscoperto per consegnarlo definitivamente alla conoscenza e alla memoria delle nuove generazioni. Nel 2012, dopo il grande successo ed i risultati inaspettati ottenuti dall'evento estivo
"Uomo, Acqua, Energia. Un viaggio tra presente e passato nei luoghi simbolo della forza dell'acqua e del genio creativo dell'uomo"
, riuscendo a portare sul territorio un numero considerevole di visitatori provenienti da tutto il territorio nazionale, la Circoscrizione Est in collaborazione con l'associazione Marmore Tourist, ha ritenuto opportuno continuare a sviluppare nuovi prodotti e servizi su tale tema. Tale sviluppo si è concretizzato nella redazione di un progetto finalizzato all'installazione di importanti pezzi dismessi dalle centrali del nucleo idroelettrico di Temi presso il sentiero 5 dei Campacci di Marmore. Tale progetto è stato quindi presentato al Gai Ternano nell'ambito della Misura 4.1.3: Strategie di sviluppo locale per la qualità della vita nelle arce rurali e la diversificazione dell'economia rurale. - Azione b) Incentivazione delle attività turistiche ed artigianali. -
"Piccole infrastrutture e servizi sui percorsi ed itinerari del territorio – II edizione."

In pochi mesi, dopo l'ammissione a finanziamento da parte del Gai Ternano, sono stati iniziati i lavori e sono stati collocati su appositi basamenti i primi reperti, la cui funzione storico-culturale e didattica è supportata da un' adeguata cartellonistica informativa.
Le installazioni sono costituite da turbine, distributori di flusso e accessori di vario genere. L'esposizione di queste apparecchiature in prossimità delle vasche e degli imbocchi delle condotte già presenti nel sentiero 5 è stata scelta proprio per facilitare la comprensione del funzionamento di una centrale idroelettrica. Il supporto di E.ON, tra i più grandi gruppi energetici al mondo, è stato fondamentale nella realizzazione del progetto.
Gli apparati sono stati donati dalla multinazionale a seguito del rinnovamento del Nucleo idroelettrico di Temi che si è concluso nel 2013. Il Nucleo (531 Mw) è costituito da 16 centrali idroelettriche che sfruttano l'acqua dei fiumi Tevere, Nera e Velino e produce mediamente circa 1,3 di TWh all'anno sufficienti a soddisfare il fabbisogno energetico di circa 500.000 famiglie italiane.
Si tratta di uno dei poli di produzione di energia rinnovabile più importanti del Centro Italia, nonché sito di grande valore storico e naturalistico, che comprende anche la Cascata.

Corriere dell'Umbria Venerdì 4 Luglio 2014

0 commenti

Posta un commento

Offerte di lavoro a Terni e Provincia

News dalla Provincia di Perugia